Fiumicino, nuove regole per il servizio scuolabus

Ridefinita l’organizzazione del trasporto scolastico: pioggia di polemiche per l’obbligo di accompagnamento alla fermata per i genitori dei bambini, pena denuncia di abbandono di minore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Giovedì prossimo parte il servizio scuolabus nel comune di Fiumicino. Alcuni aspetti però fanno rabbrividire l’opposizione: i genitori che non accompagnano i propri figli al punto di raccolta dello scuolabus rischiano una denuncia per abbandono di minore. 

Fiumicino, novità sul servizio scuolabus: i bambini dovranno essere sempre accompagnati dai genitori

Il comune di Fiumicino ha definito l’organizzazione del trasporto scolastico, che partirà giovedì prossimo. “Ho incontrato i responsabili della ditta ‘Fratarcangeli’, con i dirigenti e i tecnici comunali, per definire i dettagli”, spiega l’assessore alla Scuola Paolo Calicchio.

scuolabus

“Si sono chiuse le iscrizioni al servizio e in questi giorni i nostri uffici e l’azienda organizzeranno le varie corse e i diversi punti di raccolta dei bambini. Per garantire il distanziamento sociale – avverte Calicchio – i mezzi viaggeranno con una portata non superiore all’80%”.

“Durante la salita sul bus e la misurazione della temperatura – continua l’assessore – dovrà esserci un genitore o un tutore, sia all’andata che al ritorno. Nel caso in cui un bambino fosse lasciato solo, si procederà alla denuncia per abbandono di minore e interruzione di pubblico servizio”, conclude Calicchio.

Questo ultimo aspetto, in particolare, fa rabbrividire l’opposizione: “E’ l’ennesima follia di un’amministrazione che non sa più che pesci pigliare”, attacca il consigliere Roberto Severini, di ‘Crescere insieme’.

“I genitori che scelgono di usufruire dello scuolabus lo fanno perché non hanno modo né tempo di accompagnare i figli. Il provvedimento, oltretutto, non considera neppure la figura di un delegato, come un amico o un vicino di casa”, continua Severini.

La consigliera Giovanna Onorati, invece, pone l’accento sulla mancanza di una tariffa unica, che porterebbe chi abita al nord del comune a pagare il servizio quasi il doppio.

 

Leggi anche: Fiumicino: riprendono i lavori su Via della Torre Clementina

Fiumicino: riprendono i lavori su Via della Torre Clementina

Potrebbero interessarti