Riccardo Di Giuseppe e Mauro Grano hanno scritto “Anfibi e rettili del Litorale Romano”

È la terza fatica letteraria del naturalista Riccardo Di Giuseppe. Il libro tratta gli aspetti naturalistici, storici e folcloristici di questi animali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Riccardo Di Giuseppe e Mauro Grano hanno scritto “Anfibi e rettili del Litorale Romano”. Il libro tratta gli aspetti naturalistici, storici e folcloristici di questi animali.

L’opera nasce dal grande desiderio da parte degli autori, Riccardo Di Giuseppe e Mauro Grano di rendere omaggio al territorio del Litorale Romano che tanto amano e in cui da molti anni hanno avviato ricerche e studi scientifici

Riccardo Di Giuseppe e Mauro Grano hanno scritto "Anfibi e rettili del Litorale Romano" 1

«Attraverso questo libro si vuol fornire uno strumento semplice ma efficace per migliorare la conoscenza dell’erpetofauna presente nel Litorale Romano» racconta Riccardo Di Giuseppe.

«Il libro è stato scritto con un amico – afferma Di Giuseppe – l’area di studio presa in esame riguarda la fascia costiera compresa tra Torvaianica e Santa Severa, e l’entroterra toccando i Monti della Tolfa, Cerveteri e Castel di Guido. Il libro è costituito da schede descrittive degli Anfibi e Rettili presenti nel Litorale Romano, curate con grande rigore scientifico – continua –  correlate da foto inedite ma anche scattate da fotografi naturalisti professionisti. Si è dato inoltre spazio alla descrizione delle specie alloctone presenti sull’area di studio e si è dato spazio alla conoscenza dello status delle popolazioni e alla legislazione in essere. Pensiamo che conoscere vuol dire tutelare, è un manuale per appassionati ma anche per le scuole.»

«C’è  anche una parte in cui parliamo del coccodrillo di Maccarese che tanto ha fatto sognare i cittadini del territorio.»

«Per rendere l’opera più completa possibile, sono stati inseriti tra i vari argomenti un capitolo dedicato alle leggende legate a questi animali nella tradizione laziale, e un capitolo relativo ai loro nomi dialettali utilizzate nella nostra regione. C’è una parte in cui parliamo del coccodrillo di Maccarese che ha fatto sognare tanti cittadini del territorio.»

Gli autori hanno pensato e concepito questo libro per tutti quelli che amano vivere la natura e le bellezze del proprio territorio, e a loro è dedicato.

 

Potrebbero interessarti