Rimozione relitti a Fiumicino: recuperato motoveliero affondato nel 2013 (VIDEO)

A Fiumicino continua l’intervento di remozione dei relitti affondati nel Fiume Tevere, che la Regione Lazio sta portando avanti in collaborazione con il Comune e la Capitaneria di Porto.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

A Fiumicino continua l’intervento di remozione dei relitti affondati nel Fiume Tevere, che la Regione Lazio sta portando avanti in collaborazione con il Comune e la Capitaneria di Porto. Questa mattina, la Guardia Costiera ha effettuato un’operazione spettacolare recuperando un motoveliero di 15 metri di albero, con una superficie velica pari a 70 metri, semiaffondata nell’ottobre del 2013.

I lavori per la rimozione dei relitti sono iniziati due settimane fa. Per l’intervento la Pisana ha stanziato 150 mila euro. “L’operazione– spiega l’assessore regionale alla Tutela del Territorio Mauro Alessandri – nasce per una serie di motivi: prima di tutto la navigabilità del fiume e la sicurezza per chi lo vive tutti i giorni, poi il ripristino delle naturali condizioni ambientali e un’attenzione alla bellezza e al decoro delle nostre aree. Il piano prevede 22 interventi di rimozione di relitti all’interno del Comune di Fiumicino. È un lavoro che procede costantemente, passo dopo passo, che ci sta dando grandi soddisfazioni.»

“Ringrazio anche io Capitaneria di Porto e Regione Lazio – ha aggiunto il sindaco Esterino Montino – con cui da tempo ci stiamo concentrando per la messa in sicurezza del nostro canale navigabile e di Fiumara Grande. Non è semplice togliere relitti vecchi di quarant’anni, se lo fosse stato si sarebbe fatto prima.  E il lavoro continuerà in futuro per rendere il Tevere sempre più sicuro e navigabile da qui alla città di Roma”.

D’Amore: “Avanti con la rimozione, i relitti sono un pericolo per tutti”

“La Capitaneria di Porto sarà presente in tutte le fasi delle operazioni con i suoi uomini, i battelli e il nucleo sub della Guardia Costiera, che al termine delle operazioni farà un’ispezione per verificare che ogni residuo sia stato portato via e che non ci siano inquinamenti. – spiega il Capitano di Vascello D’Amore –   La qualità delle acque per noi è la cosa più importante. Noi monitoriamo sempre la presenza di questi relitti perché sono un pericolo per tutti. Gli interventi termineranno a dicembre, anche prima se il tempo lo consentirà”.

redazione@canaledieci.it

Ti potrebbe interessare leggere anche: Relitti affondati sul Tevere: a Fiumicino è iniziata la rimozione (VIDEO)

Potrebbero interessarti