Ospedale a Fiumicino: la petizione popolare ha già raggiunto le 2.000 firme

Per promuoverla i cittadini sono scesi in piazza davanti la sede comunale
ospedale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ha già raggiunto 2.000 firme la petizione popolare avviata da un gruppo di cittadini per chiedere la realizzazione di un ospedale nel territorio di Fiumicino.

Fiumicino: già 2.000 cittadini hanno firmato la petizione per la realizzazione di un ospedale nel territorio

Ad agosto, un gruppo di cittadini ha promosso una petizione per richiedere un ospedale a Fiumicino che ha già raggiunto 2000 firme; per promuoverla sono scesi in piazza davanti la sede comunale.

La salute è un diritto“, questo lo slogan di un gruppo di cittadini che ha manifestato in Via Portuense, davanti alla sede del Comune, per richiedere un ospedale a Fiumicino.

“Visti i tempi che corrono e il bisogno di vedere rispettato un nostro diritto, come quello della salute, sottolineiamo ancora una volta la mancanza di un ospedale a Fiumicino” – spiega Massimiliano Masia del gruppo promotore della petizione. 

“Qui a Fiumicino – aggiunge una sostenitrice dell’iniziativa – abbiamo solo il Bambin Gesù di Palidoro, ma solo per quanto riguarda i bambini. Abbiamo soltanto tre primi soccorsi, ma nessun Pronto Soccorso. Il Grassi, convertito a Centro Covid, al momento è al collasso e le persone che hanno problemi diversi dal virus non possono accedere all’ospedale”.

“Il nostro bacino è di quasi 85.000 abitanti e il Grassi di Ostia non può sopportare tutta la richiesta che viene anche da Fiumicino”. – incalza un residente.

“Dal momento che dicono essere stati stanziati tanti fondi per la sanità, credo che sia il momento di cavalcare questa onda e approfittare per realizzare quest’opera a Fiumicino”. – suggerisce una cittadina.

Servizio di Paolo Leone

Leggi anche Allarme ristoranti del litorale: “Solo con l’asporto non si sopravvive!”

Allarme ristoranti del litorale: “Solo con l’asporto non si sopravvive!”

 

Potrebbero interessarti