Fiumicino, Poggio: “Riaprire la casa comunale, il rilancio economico non può essere fatto da casa”

Poggio: “Abbiamo di fronte a noi sfide delicatissime. Non possiamo programmare il futuro della nostra città da casa o dietro un pc”
poggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

“Il rilancio economico della città non può essere fatto da casa”. La consigliera della Lega di Fiumicino, Federica Poggio, è intervenuta per sollecitare l’amministrazione a riaprire la casa comunale e a riprendere i lavori in consiglio a pieno regime.

Fiumicino, l’appello della consigliera comunale Federica Poggio

Abbiamo di fronte a noi sfide delicatissime.  – ha dichiarato la consigliera della Lega di Fiumicino, Federica Poggio – Una crisi economica, sociale e occupazionale che rischia, se non affrontata per tempo e con le giuste soluzioni, di lasciare segni profondi.

Non possiamo programmare il futuro della nostra città da casa o dietro un pc. C’è bisogno che il consiglio comunale torni a lavorare a pieno regime. Per questo ho scritto alla segretaria comunale, la dottoressa Roberta Fusco, di riaprire le porte del Municipio a commissioni e consigli.

poggio

Ritengo sia paradossale, con la curva dei contagi allo 0,2 per cento e il riavvio della quasi totale delle attività commerciali, che l’unico luogo chiuso sia proprio la sede di via Portuense. Sono sicura che con tutte le precauzioni del caso, dal distanziamento all’uso obbligatorio di mascherine e gel igienizzate, il consiglio comunale possa tornare a svolgere il proprio compito in prima persona e non via telematica.

Con l’inizio della fase 2 l’amministrazione ha il dovere di mettere in campo strumenti utili a superare una crisi che farà sicuramente sentire i propri strascichi. Serve un piano di rilancio dell’economia comunale ad ampio raggio.

I pacchi alimentari non possono essere l’unica soluzione. C’è da pensare a un serio programma di detassazione delle attività, di aiuti sociali a persone e famiglie, di rinvigorimento del tessuto produttivo che deve creare le condizioni per nuovi posti di lavoro in modo tale da assorbire possibili future emorragie occupazionali.

Servono aiuti e incentivi ai nostri studenti per dar loro la spinta a continuare gli studi e creare in futuro, grazie a competenze sempre più ampie, attività imprenditoriali di successo. Per fare tutto questo c’è bisogno però di tornare a svolgere commissioni e consigli comunali di persona e soprattutto che l’amministrazione inizi e prendere in esame senza preclusioni o paure le proposte dell’opposizione.

Qui nessuno vuole appiccicarsi medagliette al petto ma dare un contributo alla città dove viviamo e che viviamo”. – ha concluso Federica Poggio, vicepresidente del consiglio comunale di Fiumicino.

Ti può interessare anche “Carabinieri Ostia: arrestate 3 persone responsabili di 12 rapine tra Acilia, Axa, Palocco e Infernetto

Carabinieri Ostia: arrestate 3 persone responsabili di 12 rapine tra Acilia, Axa, Palocco e Infernetto

Potrebbero interessarti