Parco Leonardo, Via Peruzzi: il parcheggio è ancora al buio e aumentano i furti

Nonostante le numerose segnalazioni l’illuminazione pubblica non viene ripristinata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Da oltre otto mesi l’area del parcheggio di Via Peruzzi ed un tratto di Via Portuense a Parco Leonardo sono al buio a causa del furto di alcuni cavi di rame. Nonostante le numerose segnalazioni l’illuminazione pubblica non viene ripristinata. I furti si segnalano anche in Via Giulio Romano, dove alcuni giorni fa hanno rubato una borsa all’interno di un’auto in sosta.

Parcheggio al buio, un problema ancora irrisolto

I residenti già otto mesi fa, temendo per la loro sicurezza, si erano rivolti al Comune e al consorzio della zona, senza trovare una soluzione. Tra le possibili cause della mancanza di luce, appunto un furto di cavi elettrici da un tombino presente nel parcheggio. Inoltre i residenti hanno chiesto chiarezza nello stabilire le diverse competenze e hanno lanciato la proposta di creare un tavolo di lavoro tra cittadini, Comune e consorzio, per collaborare e monitorare costantemente eventuali disservizi e problemi di funzionalità.

La fiaccolata di protesta dei residenti di Parco Leonardo

Al grido di “meno degrado e più sicurezza”, i residenti di Parco Leonardo sono scesi in piazza lo scorso giugno con megafono e striscioni, per denunciare la situazione del parcheggio di Via Baldassarre Peruzzi. L’area è ancora al buio e il comitato di quartiere ha deciso così di organizzare una fiaccolata notturna per illuminare “metaforicamente” le strade della zona e attirare l’attenzione sul problema, nella speranza di essere ascoltati da Comune e consorzio.

“Ogni sera accade qualcosa, non e’ giusto che le persone che abitano qui siano costrette a doversi preoccupare per la propria incolumità – ha dichiarato il presidente del comitato cittadino Antonio Canto – è ora che le istituzioni, la proprietà privata e tutti gli interlocutori si siedano ad un tavolo con i rappresentanti dei residenti, per affrontare una volta per tutte la questione. – conclude Canto – Dove mancano luce e sicurezza, non si può costruire comunità”.

Potrebbero interessarti