Coronavirus a Fiumicino, il Sindaco: “Non c’è panico”

“Ad oggi non esiste un focolaio di coronavirus a Fiumicino”. Ad escluderlo sono gli amministratori e i sanitari. Chiuse le scuole Rodano e Segrè
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

“Ad oggi non esiste un focolaio di coronavirus a Fiumicino“. Ad escluderlo sono gli amministratori e i sanitari che rassicurano i cittadini sulla situazione che è sotto controllo. I casi sono tre: oltre alla donna che si era messa in auto-isolamento al rientro da un soggiorno in Lombardia, anche suo marito e la figlia di 10 anni. Fino al 9 marzo saranno chiuse in via precauzionale le scuole Rodano e Segrè, e la piscina comunale.

Chiuse in via precauzionale le scuole Rodano e Segrè

“I medici e i tecnici della Asl e dello Spallanzani – aggiunge il sindaco – stanno ricostruendo un elenco dei contatti stretti del nucleo familiare, come ha spiegato l’assessore D’Amato. Saranno le autorità sanitarie a contattare personalmente coloro che riterranno siano state le persone più esposte al rischio di un potenziale contagio. Invito tutta la cittadinanza, e in particolar modo le famiglie dei bambini e dei ragazzi che frequentano le scuole in questione o la piscina comunale, a mantenere la calma perché l’equipe dello Spallanzani che segue costantemente il caso è tra le migliori d’Europa. Ricordo che i tre casi presi in cura dallo Spallanzani in queste settimane sono tutti guariti. C’è un protocollo consolidato che ha funzionato e che intendiamo seguire”.

Montino: “La città non si fermerà”

La task force istituita dalla Regione e operante presso il Comune continua il lavoro di mappatura dei contatti avuti dalla famiglia interessata dal Coronavirus e alla valutazione delle situazioni di rischio visto l’episodio in questione”. Lo dichiara il sindaco di Fiumicino Esterino Montino. L’approfondimento e il lavoro tecnico – spiega – viene svolto direttamente dal personale medico dell’Istituto Spallanzani e della Asl Roma 3 con il supporto delle due direzioni didattiche e del personale della scuola, che si sono messi a disposizione in modo esemplare. Come esemplare è il lavoro che stanno portando avanti gli stessi componenti della task force regionale”.

Potrebbero interessarti