Fiumicino: aperto il secondo centro di distribuzione beni di prima necessità

Si trova a Piazzale Mediterraneo e si aggiunge a quello di Maccarese che continuerà a lavorare senza interruzioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Dopo quello di Maccarese, a Fiumicino ha aperto un secondo centro di distribuzione dei beni di prima necessità per aiutare le famiglie bisognose.

Fiumicino: aperto il secondo centro di distribuzione beni alimentari, che sarà gestito dal Comune insieme alla Misericordia

A Fiumicino è finalmente attivo un secondo centro di distribuzione di beni di prima necessità.

“Si trova a Piazzale Mediterraneo e si aggiunge a quello di Maccarese, che continuerà a lavorare senza interruzioni con la collaborazione di Croce Rossa, Caritas e Sant’Egidio – commenta il sindaco, Esterino Montino – questa struttura è gestita con la Misericordia. Ogni giorno, oltre trenta volontari lavorano per assemblare le forniture destinate alle persone in difficolta’. Dato che siamo nel cuore della città, le modalità sono differenti.

centro

Le famiglie interessate, che hanno già fatto il colloquio con le assistenti sociali, vengono invitate a recarsi presso il centro secondo precisi appuntamenti, cosi’ da evitare affollamenti e attese. Per chi avesse problemi a spostarsi o non puo’ provvedere autonomamente e’ possibile chiedere la consegna a domicilio. Il servizio, oltre a Fiumicino, serve le località di Isola Sacra, Parco Leonardo, Le Vignole, Pleiadi e Focene” conclude il primo cittadino.

In generale, in questo periodo di emergenza, l’amministrazione comunale è riuscita a distribuire oltre 3.500 pacchi alimentari, per un totale di undicimila cittadini assistiti. Inoltre, da pochi giorni sono a disposizione le card, per un valore di 50 euro ciascuna, da utilizzare per fare la spesa.

Leggi anche Fiumicino, Azzolini: “Riaprire le scuole già nei mesi estivi”

Fiumicino, Azzolini: “Riaprire le scuole già nei mesi estivi”