Fiumicino: anziani, “una risorsa da valorizzare e non un problema”

Il Presidente della commissione servizi sociali del Comune di Fiumicino Armando Fortini ha incontrato i rappresentanti dei centri anziani del territorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il Presidente della commissione servizi sociali del Comune di Fiumicino Armando Fortini ha incontrato i rappresentanti dei centri anziani del territorio.

«È un periodo di grandi preoccupazioni per tutti noi, in particolare per i soggetti più fragili – ha dichiarato Fortini –  crediamo che esista un’alternativa alla solitudine e all’abbandono, ma soprattutto che vada ripensato il modello attuale delle residenze sanitarie assistite. Nei prossimi decenni gli ultrasessantacinquenni oscilleranno tra un quinto ed un terzo della popolazione, per cui la domanda è d’obbligo: chi si prenderà cura di loro? la proposta che vogliamo presentare è quella di avviare il progetto di monitoraggio attivo, un esempio consolidato ed innovativo di contrasto all’isolamento, attraverso la creazione di reti che affianchino le risposte tradizionali dell’assistenza domiciliare e dei servizi residenziali. l’obiettivo prioritario è la prevenzione: contrastare gli effetti negativi di eventi critici come ondate di calore, epidemie influenzali e cadute.»

Sostegno agli anziani. Fortini propone di puntare su un sistema di reti sociali, dai vicini al medico di famiglia

«Per realizzare una rete efficace – aggiunge – è importante rafforzare, ad esempio, la rete con il medico di famiglia, costruire delle reti di quartiere, dal portiere del palazzo al negoziante, dal farmacista al vicino di casa, pronti a dare una mano in caso di bisogno, ma dove gli stessi anziani sono parte attiva e diventano volontari verso i loro coetanei, rafforzare la collaborazione con i centri anziani luoghi di incontro e socialità estremamente importanti. Non vogliamo trascurare- conclude Fortini – un aspetto importantissimo della casa, riscontrando una disponibilità degli anziani nuova, diversa a mettersi anche in gioco e a sperimentare soluzioni inconsuete, come il co-housing, condomini protetti, le convivenze tra anziani. L’invecchiamento attivo può essere una risposta su cui indirizzare le iniziative e gli interventi, considerando gli anziani una risorsa e non un problema”.

Potrebbe interessarti anche: Occhio alla truffa: le Acli di Roma hanno realizzato dei video per aiutare gli anziani.

 

Potrebbero interessarti