Aeroporto di Fiumicino: atterrato terzo volo per il rientro di connazionali in Italia

Al Leonardo da Vinci di Fiumicino è atterrato un aereo partito da Algeri con 102 passeggeri a bordo. Si tratta del terzo volo di rimpatrio dei connazionali rimasti bloccati nel Paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Al Leonardo da Vinci di Fiumicino è atterrato un aereo partito da Algeri con 102 passeggeri a bordo. Si tratta del terzo volo di rimpatrio dei connazionali rimasti bloccati nel Paese a seguito della sospensione di tutti i collegamenti internazionali. Salgono quindi a 383 le persone che dall’Algeria sono potute rientrare nello “stivale”, grazie alla collaborazione tra ambasciata d’Italia, Unità di crisi della Farnesina, autorità algerine e Alitalia, che ha messo a disposizione oggi un Boeing 777, a bordo del quale sono state applicate le disposizioni che prevedono il distanziamento tra i passeggeri a bordo.

Aeroporto di Fiumicino: a bordo anche otto cittadini di Paesi Ue e Usa

Si sono imbarcati anche otto cittadini di paesi Ue e statunitensi in transito, così come nelle scorse settimane dieci cittadini italiani avevano fatto rientro dall’Algeria in Italia grazie a voli speciali organizzati da altri paesi Ue, sempre nello spirito della massima cooperazione e solidarietà europea. Tutte le operazioni in aeroporto si sono svolte in perfetto orario e con la continua assistenza del personale Alitalia e della task force dell’Ambasciata.

Aeroporto di Fiumicino: passeggeri informati su obblighi per chi rientra in Italia

I passeggeri sono stati dettagliatamente informati circa gli obblighi per chi rientra in Italia, a partire dalla necessità di informare l’Asl competente e di rispettare un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni, e hanno compilato le autocertificazioni previste dalla normativa. I tre voli hanno quindi permesso il rientro in Italia a tutti i connazionali in Algeria che ne hanno fatto richiesta, prevalentemente tecnici di imprese italiane che si trovavano nel Paese temporaneamente per lavoro.

Potrebbero interessarti