Disabili: Riapertura Centri Diurni. La presidente di Anffas Ostia esprime preoccupazione

La Presidente di Anffas Ostia lancia l’allarme: «Il rischio che in un centro per disabili possa scatenarsi un focolaio purtroppo non è da escludere.»
anffas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Disabili: Riapertura Centri Diurni. La presidente di Anffas Ostia esprime preoccupazione: «Il rischio che in un centro per disabili possa scatenarsi un focolaio non è da escludere.»

«Riaprire i Centri Diurni per i disabili è un tema complicato – è quanto dichiara Ilde Plateroti, presidente di Anffas Ostia, che prosegue – chiedo alle istituzioni e agli enti competenti che si possa scegliere se frequentare un Centro Diurno o adottare terapie alternative in base alla gravità dei ragazzi, alla situazione della singola struttura e al parere dei genitori. È dimostrato che le prestazioni online o a domicilio sono un’ottima soluzione e potrebbero rivelarsi un sistema per tornare a far lavorare gli operatori senza gravare ulteriormente sulle casse statali e regionali.»

«Riapertura Centri diurni per disabili. Il rischio che possa scatenarsi un focolaio non è da escludere.»

«Il rischio che in un centro per disabili possa scatenarsi un focolaio purtroppo non è da escludere – continua Plateroti – molti utenti sono anche immunodepressi, ma chiedere loro di rispettare le distanze di sicurezza è davvero arduo. Allo stesso tempo, con la sanificazione delle strutture, ormai al livello degli ospedali, molte associazioni si ritroverebbero con budget molto ridotti e costrette, loro malgrado, a tagliare alcuni servizi. In questi mesi sono oltre 200 le famiglie che abbiamo supportato con terapie a distanza e grazie a oltre cento professionisti impagabili. Si tratta di un periodo di emergenza, ma crediamo sia l’unica strada percorribile fino a quando non ci sarà una cura o un vaccino.»

Potrebbe interessarti anche: Anffas Ostia: le attività del centro durante la quarantena

Potrebbero interessarti