Fase 3, Speranza in Senato annuncia il nuovo Dpcm: “Stop ingressi extra Ue”

Il ministro della Salute presenta le nuove misure anti-contagio: obbligo di mascherine al chiuso, nuove restrizioni per gli arrivi dall’estero
dpcm
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il ministro della Salute Roberto Speranza annuncia il nuovo Decreto del presidente del Consiglio (Dpcm) con le ultime misure anti-contagio. Tra le disposizioni presentate poco fa dal ministro in Parlamento l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi. Uno dei passaggi più importanti del suo discorso è il divieto di ingresso o quarantena per chi arriva da Paesi extra Unione Europea, e poi controlli più stringenti su porti, aeroporti e luoghi di confine. Appello ai giovani del direttore dello Spallanzani: “Si è abbassata l’età media dei contagi“.

Speranza annuncia il nuovo Dpcm: obbligo di mascherina e blocco degli ingressi extra Ue

“Il Governo intende emanare un nuovo decreto con le misure per il contenimento” del coronavirus, annuncia Roberto Speranza, davanti ai senatori a Palazzo Madama. “Necessario il divieto di ingresso dai Paesi extra UE e controlli più stringenti su porti e aeroporti: non possiamo vanificare i sacrifici fatti”, avverte.

speranZa

“Per riaccendere la nostra economia non dobbiamo arretrare sulle misure di prevenzione”, dichiara poco dopo il titolare della Salute in Aula alla Camera, dove sta parlando in questi minuti. “Per questo il Governo vuole prorogare il Dpcm fino al 31 luglio”.

Queste le misure annunciate dal ministro:

  • obbligo di indossare la mascherina nei luoghi chiusi
  • obbligo di rispettare i protocolli di sicurezza definiti per la riapertura dei luoghi di lavoro
  • divieto di assembramenti
  • sanzioni penali per chi viola l’obbligo di quarantena
  • divieto di ingresso o quarantena per chi arriva da Paesi extra UE e controlli più stringenti su porti, aeroporti e luoghi di confine.

Divieto di ingresso in Italia per chi proviene da Paesi a rischio

Le misure di divieto di ingresso in Italia riguardano i passeggeri “provenienti da 13 Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana”, spiega il ministro.

Particolare attenzione è rivolta in queste ore – ha detto Speranza – agli sbarchi sulle nostre coste con rigorosi controlli sanitari ed obbligo di quarantena per tutti coloro che arrivano. Nessuna sottovalutazione può essere ammessa.”

“Oggi i contagiati sono 13 milioni, i morti mezzo milione: è evidente che non possiamo abbassare la guardia. Non dividiamoci su questo”, rimarca il ministro.

“Discuteremo nuovamente dell’eventuale proroga dello stato di emergenza. Dovrà riunirsi il Consiglio dei Ministri e, personalmente, sono profondamente convinto che il Parlamento debba essere pienamente  protagonista del percorso decisionale“, conclude.

L’appello del direttore dello Spallanzani: “L’età dei contagiati si è abbassata, mai più assembramenti!”

Il direttore dell’ospedale Spallanzani di Roma, il professor Francesco Vaia, lancia l’allarme: “L’età media dei contagiati si è abbassata“.

speranza

E rivolge un appello accorato ai ragazzi italiani: “Carissimi Giovani, dimostrate di essere la parte migliore di questa società, mai più assembramenti, vi prego!“, scrive su Facebook.

“Guidate in prima linea questa ‘guerra’, che vinceremo sicuramente”, sottolinea il direttore dello Spallanzani. “Fate attenzione a come si stanno formando i nuovi contagi, proteggete i vostri genitori e i vostri nonni con un atteggiamento di responsabilità. Tenete alta la guardia!”.

“Usciremo da questa situazione anche grazie alla vostra forza e alla voglia di costruire insieme un mondo migliore. Da questa negatività tiriamo fuori il meglio di noi”, conclude Vaia.

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, Speranza: “Vaccino pronto entro fine anno, oggi record assoluto di contagi nel mondo”

Coronavirus, Speranza: “Vaccino pronto entro fine anno, oggi record assoluto di contagi nel mondo”

Potrebbero interessarti