Coronavirus, rapporto LAV: gli allevamenti intensivi bombe a orologeria, rischio di nuove pandemie

Gli animalisti della Lav hanno analizzato i rischi per la salute umana provenienti dagli allevamenti industriali: incubatori di virus patogeni
Lav
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il nuovo rapporto firmato dalla Lav, la Lega Anti Vivisezione, analizza il tasso di infezioni virali trasmesse all’uomo dagli animali e il grado di pericolosità delle zoonosi causate dallo sfruttamento delle foreste e dagli allevamenti intensivi. Due fattori che rappresentano una vera bomba a orologeria, sottolinea il rapporto: se non si prenderanno provvedimenti, l’umanità rischia di andare incontro a nuove pandemie.

Rapporto Lav: allevamenti intensivi bomba a orologeria, le prossime pandemie proverranno dal sistema zootecnico

Si stima che circa il 60% delle infezioni umane abbia origine animale. Le zoonosi, ovvero il passaggio di virus propri di specie animali all’uomo, avvengono indirettamente attraverso il sistema alimentare e ci sono evidenze che suggeriscono come la frequenza dei microrganismi patogeni che ‘saltano’ da altri animali alle persone stia aumentando, a causa di attività umane insostenibili.

“I ricercatori dell’UNEP, l’organismo dell’Onu per l’ambiente (United Nations Environment Programme), hanno individuato i 7 fattori che determinano l’emergere delle zoonosi”, spiega il rapporto firmato dalla LAV.

“Eccoli: 1) insostenibile intensificazione dell’agricoltura e aumento della domanda umana di proteine ​​animali; 2) cambiamenti nelle filiere alimentari; 3) maggiore impiego e sfruttamento della fauna selvatica; 4) intensificazione dei cambiamenti nell’uso del suolo accompagnati dalla distruzione e dall’invasione degli habitat; 5) industrie estrattive non sostenibili; 6) aumento dei viaggi e dei trasporti; 7) cambiamenti climatici accelerati“.

lav

“Da un recentissimo documento, dal titolo “Un’industria contagiosa – Allevamenti intensivi in un mondo post-COVID” – redatto da FAIRR, il network di investitori e istituzioni che collaborano per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche connesse agli allevamenti intensivi – emerge l’allarme: le prossime pandemie proverranno dal sistema zootecnico“, sottolineano gli animalisti della LAV.

Il 70% delle maggiori imprese che operano nel settore della carne, dei latticini e del pesce, risultano ad elevato rischio di favorire pandemie. Gli allevamenti sono allo stesso tempo soggetti vulnerabili e potenziali creatori e diffusori di gravi emergenze sanitarie, e se il COVID-19 non ha avuto origine da un allevamento, il prossimo virus pandemico potrebbe averla”, spiega il rapporto stilato dalla LAV.

Per arrestare questa tendenza “l’intero settore zootecnico sarà costretto ad affrontare e risolvere le importanti questioni connesse ai bassi standard di sicurezza – per i lavoratori e per gli alimenti – alla situazione di ‘ammassamento’ e costrizione degli animali, e all’impiego esagerato di antibiotici. La catena produttiva, già in crisi dalle limitazioni sull’utilizzo di terreno, di risorse idriche e dalle norme sulle emissioni, dovrà farei i conti con i probabili nuovi e dispendiosi protocolli di biosicurezza e di gestione dell’antibiotico resistenza”, sottolineano gli animalisti.

lav

Problematiche “che rendono evidenti anche i rischi per gli investitori: a questo proposito il rapporto FAIRR ha stilato una classifica dei rischi pandemici sui fattori di rischio più rilevanti per il comparto zootecnico, legati alla deforestazione e alla perdita di biodiversità, agli antibiotici, ai rifiuti e all’inquinamento, alle condizioni di lavoro, alla sicurezza alimentare e al benessere animale”.

“Quarantaquattro su sessanta imprese analizzate (valutate a 224 miliardi di dollari e con i ricavi combinati di oltre 207 miliardi) sono considerate ad alto rischio. Le restanti sedici sono classificate come a rischio medio: nessuna a rischio basso”.

“La situazione presentata nel dossier – conclude il rapporto della LAV – trasmette già un’idea di come l’industria zootecnica mondiale sia da considerare superata, in considerazione dei danni ambientali che causa, per i suoi rischi e per le sofferenze che provoca”.

Leggi anche: Lav chiede di vietare il commercio degli animali esotici in Italia

Lav chiede di vietare il commercio degli animali esotici in Italia

Potrebbero interessarti