Elezioni regionali, il premier Conte: “Nessun rimpasto. Ora spendere le risorse Ue”

Il presidente del Consiglio commenta i risultati elettorali: “Sono soddisfatto dell’impegno e della coesione della squadra di governo. Voto bella prova di democrazia dell’Italia”
conte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte fa il punto sul risultato delle elezioni regionali: “E’ stata una grande prova di democrazia”, dichiara il premier durante la conferenza stampa di oggi, a margine del Welfare Index pmi 2021. “Nessun rimpasto. Sono contento della squadra di governo”, sottolinea.

Il premier Conte: “Non mi sentivo in bilico ieri e non mi sento inamovibile oggi”

Ai giornalisti che gli chiedono se il governo esca rafforzato dalla vittoria del centrosinistra in Puglia, Campania e Toscana, Conte risponde: “Fino all’altro giorno i commentatori mi descrivevano in bilico, ma io non mi sono mai sentito in bilico. Oggi mi descrivono inamovibile, ma io non mi sento inamovibile”.

“Quello che conta davvero è altro”, afferma Conte. “Abbiamo un’opportunità incredibile, che nessun governo ha mai avuto prima: spendere per la ricostruzione del Paese le cospicue risorse europee del Recovery Fund, 209 miliardi. Il governo deve avere la responsabilità di attuare i progetti e di portarli a termine. Per un piano del genere serve stabilità e una prospettiva di ampio respiro”.

L’altra questione che aleggia nell’aria, dopo il risultato elettorale, è se il Pd adesso chiederà o meno di incassare la vincita, puntando ad avere più ministeri. “Non mi sembra che il Pd ponga il tema del rimpasto, ma pone invece un problema di rilancio dell’azione anche alla luce della sfida del Recovery. Io non avverto assolutamente l’esigenza di un rimpasto”, sottolinea il premier.

“Dobbiamo essere più ambiziosi. Le risorse del Recovery Fund ci consentiranno di reinventare una nuova normalità. Non c’è crescita senza sviluppo ambientale e sostenibile. La nostra competitività non sarà solo in termini di crescita del Pil, ma di crescita del benessere esistenziale“, conclude il presidente del Consiglio.

 

Leggi anche: La sindaca Raggi: “Sì all’agenzia europea per la ricerca biomedica”

La sindaca Raggi: “Sì all’agenzia europea per la ricerca biomedica”

Potrebbero interessarti