Recovery Fund, battaglia finale: Conte vede Macron in vista del Consiglio Europeo

Al via il vertice decisivo per la sorte del Recovery Fund. Scontro con i Paesi rigoristi, il premier Conte cerca alleati e trova l’asse con Parigi
consiglio europeo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La guerra interna all’Unione per l’utilizzo del Recovery Fund è alla fase finale. Questa sera il premier Giuseppe Conte incontra a Bruxelles il presidente francese Emmanuel Macron. In ballo un asse italo-francese in vista del vertice del Consiglio Europeo straordinario di domattina. Qui si giocherà la battaglia decisiva per il fondo europeo da 750 miliardi, destinato alla ricostruzione post-covid. All’Italia spetta la parte più rilevante, 172 miliardi: ma i Paesi rigoristi, guidati dai leader sovranisti di Austria e Olanda, vorrebbero imporre condizioni pesanti. “È una partita fondamentale per il futuro dell’Europa e dei nostri cittadini”, dichiara il presidente del Consiglio Giuseppe Conte alla vigilia della partenza.

Recovery Fund, Conte cerca l’asse italo-francese per battere i rigoristi al vertice Ue

E’ il giorno decisivo. A Bruxelles il vertice dei capi di Stato europei stabilirà le regole di utilizzo dei 750 miliardi previsti per portare il Vecchio Continente fuori dalla crisi: all’Italia spettano 172 miliardi.

Questa sera Conte vedrà Macron: l’accordo con l’Eliseo garantirebbe lo spostamento degli equilibri nella battaglia di domani contro i falchi rigoristi tutto in favore del nostro Paese.

Recovery Fund

“Non è questo il tempo dei rinvii, ma delle decisioni. Il Decreto Rilancio è stato definitivamente convertito dal Parlamento ed è legge dello Stato. Adesso è la volta di Bruxelles: sono in partenza e tra qualche ora incontrerò il Presidente Macron per preparare il Consiglio europeo di domattina”, dichiara il presidente Conte.

“È una partita fondamentale per il futuro dell’Europa e dei nostri cittadini”, sottolinea il premier. “Dobbiamo approvare al più presto il Piano europeo per la ripresa. Le nuove risorse ci consentiranno di investire nelle infrastrutture, nella digitalizzazione e di perseguire il rilancio economico e sociale di cui il nostro Paese ha bisogno”.

recovery fund

“Confrontiamoci duramente, lavoriamo meticolosamente sui dettagli, ma non perdiamo di vista la prospettiva e la visione politica che guida la nostra azione. È il tempo della responsabilità”, conclude Conte.

Leggi anche: Recovery Fund, 750 miliardi per la ripresa Ue: all’Italia la parte più ampia. Gentiloni: “Non ci sono vincoli”

Recovery Fund, 750 miliardi per la ripresa Ue: all’Italia la parte più ampia. Gentiloni: “Non ci sono vincoli”

 

Potrebbero interessarti