Coronavirus, primo cluster di importazione dall’estero: isolata famiglia appena sbarcata da Chicago

L’Assessore alla Sanità del Lazio: “Immediatamente isolato cluster famigliare di importazione proveniente dagli Usa. Sono tutti positivi e stanno bene”
cluster
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Primo giorno di riaperture dei confini regionali e nazionali. Scoperto e immediatamente isolato un cluster di coronavirus: un’intera famiglia proveniente da Chicago, sbarcata oggi (asintomatica e senza febbre) all’aeroporto di Fiumicino, è risultata positiva al Covid-19. L’Assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato spiega: “Isolato cluster famigliare di importazione proveniente dagli Usa, tutti positivi e stanno bene”.

Cluster familiare dagli Usa nel giorno delle riaperture dei confini

“Un intero nucleo famigliare residente a Roma, rientrato in Italia dagli USA, è risultato positivo al Covid-19 e si è posto in auto-isolamento, contattando prontamente i competenti servizi sanitari della Asl territoriale. Si tratta di un cluster famigliare di importazione”, dichiara l’Assessore alla Sanità D’Amato.

Scattato immediatamente il contact tracing internazionale e interno

Il contact tracing internazionale è stato immediatamente avviato dal SERESMI, per ricostruire tutti i contatti avuti dalla famiglia durante il viaggio.  “Il tracciamento dei contatti e in corso sia per il volo Chicago-Francoforte che per il volo Francoforte-Fiumicino, per rintracciare come da protocollo il resto dei viaggiatori”, spiega D’Amato.

“Dobbiamo mantenere alta l’attenzione anche in questa fase, per evitare di disperdere i risultati finora acquisiti”, sottolinea l’Assessore della Giunta Zingaretti.

cluster

 

Il nucleo familiare, sbarcato a Fiumicino da Chicago, è in isolamento

Il nucleo familiare è sbarcato al Leonardo Da Vinci, asintomatico e senza febbre. Solo qualche giorno, dopo aver accusato i primi sintomi, la famiglia si è autodenunciata, dimostrandosi molto collaborativa e responsabile. “Il percorso da Fiumicino a casa è stato effettuato con auto privata e senza contatti con altre persone”, aggiunge D’Amato. Avviata immediatamente l’indagine epidemiologica: “Tutti i membri della famiglia sono stati contattati dai servizi di prevenzione e sottoposti immediatamente a tampone”, fa sapere l’Assessore alla Sanità del Lazio.

“Al momento non ci sono particolari problematicità, ma l’allerta sugli scali aeroportuali e ferroviari di Roma resta elevata”, sottolinea ancora l’Assessore D’Amato.

Ti potrebbe interessare anche: Viaggi tra Regioni, la ripartenza è completa: nel Lazio termoscanner e controlli per chi arriva dal Nord

Viaggi tra Regioni, la ripartenza è completa: nel Lazio termoscanner e controlli per chi arriva dal Nord

Potrebbero interessarti