Cinema America sotto attacco, i distributori bloccano le arene estive

Macigno per i ragazzi del cinema America: le case cinematografiche bloccano le proiezioni all’aperto. In forse l’arena del Porto Turistico di Ostia
cinema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

“Siamo sotto ricatto. Ci stanno costringendo ad annullare la stagione estiva de Il Cinema in Piazza. Un’iniziativa che era sopravvissuta a Virginia Raggi nel 2018, alle aggressioni fasciste nel 2019 e quest’anno anche alla pandemia”. I ragazzi del Cinema America sono preoccupati. E lanciano l’allarme: la possibilità di godere di spettacoli all’aperto, nelle arene di piazza San Cosimato a Trastevere, del Porto Turistico a Ostia, e del parco della Cervelletta potrebbe saltare. Perché, spiegano, le proiezioni sono finite mirino dei distributori.

I ragazzi del cinema America boicottati dalle case di distribuzione dei film

La lobby dei distributori e delle catene di multiplex sta bloccando le concessioni dei film per le arene estive gratuite. Il motivo, spiegano i ragazzi del Cinema America, è che “da tre anni vogliono costringerci a rendere l’evento a pagamento”.

I protagonisti di questo attacco “sono chiari e identificabili: l’ANICA, presieduta dall’ex sindaco di Roma ed ex Ministro dei Beni Culturali Francesco Rutelli, e l’ANEC, rispettivamente associazioni di categoria dei distributori e dei gestori di sale”, sottolinea Valerio Carocci, uno dei leader del gruppo.

“Di oltre 140 film richiesti alle case di distribuzione per programmare le rassegne a San Cosimato, Ostia e Cervelletta abbiamo ricevuto più di 120 risposte negative. Non ci autorizzano nemmeno i film di proprietà RAI di autori italiani. Tutti “no” ad offerte economiche pari o più alte rispetto all’usuale valore di mercato”, spiegano i ragazzi.

cinema

Il muro opposto dalle case cinematografiche

“Siamo senza film, costretti a chiedere il vostro aiuto per combattere questa battaglia”, sottolineano i giovani del Cinema America. Il nostro evento è gratuito per chi ne fruisce, ma non per l’industria cinematografica, perché ogni estate paghiamo tra i 55.000 e gli 80.000 euro di compensi ai distributori per le proiezioni. Un esempio: per una proiezione di “Sinfonia d’autunno” di Bergman, film del 1978, abbiamo pagato 1.220 euro.

“Rivendichiamo il nostro lavoro, perché è un servizio pubblico. Proprio come sono (o dovrebbero essere) gratuiti scuole, giardini, biblioteche e musei, le nostre proiezioni in piazza sono gratis perché vogliamo contribuire allo sviluppo culturale del Paese, come indica il nono articolo della nostra Costituzione”.

“Noi non molliamo. Non spegnerete i nostri proiettori!”, è l’appello lanciato dai ragazzi.

Leggi anche: Ostia ai David di Donatello 2020

Ostia ai David di Donatello 2020