Cassa Integrazione, la ministra del Lavoro: “Pagata al 97 per cento dei lavoratori”

La ministra Catalfo risponde a un’interrogazione parlamentare, e annuncia una riforma del sistema degli ammortizzatori sociali
cassa integrazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Quello dell’erogazione della Cassa Integrazione rappresenta uno dei problemi più gravi che il governo ha dovuto affrontare durante la pandemia. E continua ancora ad avere i suoi strascichi pesantissimi: molti lavoratori a tutt’oggi hanno ricevuto il pagamento soltanto di un mese, a fronte dei tre o quattro richiesti. A causare il blocco lo snodo delle sezioni regionali dell’Inps, e l’impossibilità di gestire le domande in modo digitalizzato. Oggi la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha presentato i numeri ufficiali, rispondendo a un’interrogazione parlamentare.

Cassa integrazione, la ministra Catalfo: “Pagata al 97 per cento dei lavoratori”

La Cassa Integrazione “risulta pagata al 97,1% dei lavoratori aventi diritto”, ha dichiarato la ministra del Lavoro Catalfo nel corso del Question Time di oggi alla Camera.

“Alla data del 7 luglio sono 3.120.499 i lavoratori per i quali è stato chiesto il pagamento di almeno un’integrazione salariale mensile. Di essi, 3.031.495 sono stati già pagati, e ammontano a 89.004 quelli che devono ancora attendono il versamento”, annuncia la ministra in Aula a Montecitorio.

cassa integrazione

Poi aggiunge, con riferimento ai dati dell’Inps sulla Cassa Integrazione: “Rispetto al totale dei 3,1 milioni per i quali è stata presentata domanda di pagamento, l’Istituto deve ancora erogare 370.976 integrazioni salariali mensili“. Il riferimento è ai mesi ancora da versare, oltre al primo già erogato.

Cassa Integrazione

Sul perché dei ritardi la ministra, rispondendo all’interrogazione parlamentare, dichiara: “Per la Cassa Integrazione in deroga, l’Istituto ha potuto iniziare a lavorare alle domande a partire dalla fine del mese di aprile 2020. Ciò è dovuto anche alle difficoltà di alcune Regioni, gravate da un’ingente quantità di richieste decisamente superiore rispetto all’impegno ordinario”, spiega Catalfo.

Qui il video:

video

La riforma del sistema degli ammortizzatori sociali

E la ministra, dalla sua pagina Facebook, annuncia una riforma del sistema degli ammortizzatori sociali: “Oggi, rispondendo al Question Time alla Camera, ho sottolineato che nella riforma che voglio realizzare gli ammortizzatori sociali dovranno svolgere una duplice funzione”.

“La prima funzione – sottolinea la ministra – è quella di garantire una rete di protezione ai lavoratori di quelle imprese che intendono sospendere una parte della produzione per ristrutturazioni aziendali o riconversioni produttive o tecnologiche”.

“La seconda funzione – prosegue Catalfo – è quella di fornire gli strumenti di accompagnamento e sostegno finalizzati alle transizioni occupazionali, dunque in un’ottica di tutela nel mercato del lavoro”, aggiunge Catalfo.

“Il Paese ha urgente bisogno di sistema di ammortizzatori equo, strutturale e che non escluda nessuno”, conclude la ministra.

Leggi anche: Autostrade, c’è l’accordo: fuori i Benetton, la proprietà del gruppo passa allo Stato

Autostrade, c’è l’accordo: fuori i Benetton, la proprietà del gruppo passa allo Stato

Potrebbero interessarti