Bollettino Coronavirus 29 luglio: 34 nuovi casi nel Lazio, 16 sono di importazione dall’estero

L’Assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: “Oggi registriamo 34 nuovi positivi. Da stamattina al via i test presso il Terminal dei bus a Tiburtina”
coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coronavirus, l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato in conferenza stampa: “Oggi registriamo 34 nuovi casi. Di questi nuovi contagi 16 sono legati ad arrivi dall’estero. Da stamattina al via i test presso il Terminal dei bus a Tiburtina, i passeggeri del primo arrivo dalla Romania sono tutti negativi alla sieroprevalenza. E’ un’operazione di prevenzione di sanità pubblica che si aggiunge alla quarantena per i cittadini provenienti da Romania e Bulgaria, dove è più alta l’incidenza del virus”.

Bollettino Coronavirus 29 luglio

Si è conclusa da pochi minuti la conferenza stampa della task-force regionale, alla presenza dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

“Oggi – spiega l’assessore – registriamo 34 casi e zero decessi. Di questi 16 sono casi di importazione: otto casi di nazionalità del Bangladesh, tre dalla Spagna, due dalla Romania, due dall’India e uno dall’Afghanistan. Tre i casi per screening in fase di pre-ospedalizzazzione ospedaliera.

Hanno preso il via questa mattina i test presso il Terminal dei bus a Tiburtina: i passeggeri del primo arrivo dalla Romania sono tutti negativi alla sieroprevalenza.

Sono previsti per questa settimana circa 500 arrivi e le operazioni saranno garantite presso lo scalo anche nelle ore notturne e nei fine settimana quando sono previsti il maggior numero di arrivi.

E’ un’operazione di prevenzione di sanità pubblica che si aggiunge alla quarantena a tutela di quelle Comunità provenienti dai Paesi a più alta incidenza del virus, Romania e Bulgaria. Ed è a tutela anche dei nostri anziani, poiché molti lavorano nell’assistenza domestica.

Ad oggi il totale dei casi di importazione a Roma proviene da ben 30 Paesi e quelli a maggior incidenza sono il Bangladesh, l’India, il Pakistan e la Romania.

Nella Asl Roma 1 sono cinque i casi nelle ultime 24 ore: di questi uno riguarda una donna di rientro dalla Romania per la quale è stato effettuato il contact tracing internazionale, uno riguarda il caso di un uomo scoperto positivo in accesso al pronto soccorso, e infine uno è il caso di un uomo con link familiare ad un caso già noto e isolato.

Nella Asl Roma 2 sono 17 i nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore. Di questi otto riguardano persone di nazionalità del Bangladesh testate al drive-in, un caso è relativo a una donna di rientro dalla Romania, un caso relativo a un uomo di nazionalità Afgana con un link ad un caso già noto e isolato, e tre casi con link familiare ad una bambina ricoverata nei giorni scorsi al Bambino Gesù di Palidoro.

Nella Asl Roma 3 sono tre i nuovi casi nelle ultime 24 ore: uno di questi riguarda un caso con link on un cluster familiare già noto e isolato.

Nella Asl Roma 4 dei due nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore uno riguarda un uomo in fase di pre-ospedalizzazione e un uomo con link ad un cluster familiare già noto e isolato.

Nella Asl Roma 5 si registrano quattro nuovi casi nelle ultime 24 ore e tre di questi hanno un link familiare con un caso di rientro dalla Spagna e un caso di un uomo in fase di pre-ospedalizzazione al San Giovanni.

Nella Asl Roma 6 sono due i nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore: si tratta di due uomini di nazionalità indiana con link ad un caso di rientro da India già isolato.

Infine per quanto riguarda le province un nuovo caso riguarda la Asl di Latina: si tratta di una donna individuata in fase di pre-ricovero ospedaliero”, commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Leggi anche: Bollettino Coronavirus 28 luglio: 10 nuovi casi nel Lazio, da domani test ai terminal bus

Bollettino Coronavirus 28 luglio: 10 nuovi casi nel Lazio, da domani test ai terminal bus

Potrebbero interessarti