Bollettino Coronavirus 19 giugno: 9 casi nel Lazio di cui uno legato al focolaio San Raffaele

L’Assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: “Oggi 9 casi casi positivi, uno è riferibile al focolaio del San Raffaele che sale così a 114 casi e 6 vittime”
coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coronavirus, l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato in conferenza stampa: “Oggi registriamo 9 casi positivi, di cui uno riferito al focolaio dell’ospedale San Raffaele Pisana, che sale così a 114 positivi e 6 vittime. Si tratta di una infermiera dipendente della struttura”.

Bollettino Coronavirus 19 giugno

Si è conclusa da pochi minuti la conferenza stampa della task-force regionale per il Coronavirus, alla presenza dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

“Oggi registriamo 9 casi positivi e di questi un caso è riferibile al focolaio del San Raffaele Pisana. Si tratta di una infermiera dipendente della struttura. Nella Asl di Viterbo è stato individuato un infermiere positivo grazie ai test sierologici effettuati sul personale e questo dimostra l’importanza del lavoro svolto per testare, tracciare e trattare”.

“Un caso positivo nella Asl Roma 6 ha richiesto l’attivazione del tracing internazionale, si tratta di un ragazzo tornato dal Messico”.

“Questa mattina ho visitato accompagnato dal Direttore generale della Asl Roma 1, Angelo Tanese il COVID Center del San Filippo Neri che chiude dopo 85 giorni di attività. Qui è stato fatto un lavoro straordinario e voglio ringraziare tutti gli operatori e i professionisti”.

“Dobbiamo essere orgogliosi del nostro sistema sanitario regionale che ha saputo intervenire con tempestività e grande professionalità”, ha dichiarato l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

“Gestire un Covid Center al San Filippo Neri è stata una grande prova di flessibilità di tutto l’ospedale, frutto di validi professionisti che si sono fatti trovare pronti. Ma anche di un’organizzazione che ha garantito le migliori condizioni di sicurezza e la cura di ogni dettaglio nel trattamento clinico e nella relazione con pazienti e famiglie” ha dichiarato il Dg della Asl Roma 1, Angelo Tanese.

Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine. Sono stati 4 i decessi nelle ultime 24h, mentre sono stati 14 i guariti nelle ultime 24h raggiungendo un totale complessivo di 6.181 che sono ormai oltre sei volte il numero degli attuali positivi.

***DPI – dispositivi di protezione individuale sono in distribuzione presso le strutture sanitarie: 264.000 mascherine chirurgiche, 107.000 maschere FFP2, 7.650 maschere FFP3, 12.750 tute, 18.900 cuffie.

La situazione nelle Asl, Policlinici Universitari e Aziende Ospedaliere:

Asl Roma 1 – Non si registrano nuovi casi positivi. 15 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Domani chiude il Covid Center San Filippo Neri;

Asl Roma 3 – 2 nuovi casi positivi di cui 1 riferibile al cluster dell’IRCCS San Raffaele Pisana. 10 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Asl Roma 4 – Non si registrano nuovi casi positivi;

Asl Roma 6 – 1 nuovo caso positivo, un ragazzo rientrato dal Messico. Avviato contact tracing internazionale. 36 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – Dimesso un altro nucleo familiare. Al Centro Covid di Palidoro restano ricoverati 3 bambini e 2 genitori.

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, a Pechino riesplode l’epidemia: schierati 100mila operatori sanitari

Coronavirus, a Pechino riesplode l’epidemia: schierati 100mila operatori sanitari

Potrebbero interessarti