Bilancio dello Stato: gli aiuti e lo stop alle cartelle esattoriali

Approvato nella notte il decreto legge sul Bilancio dello Stato previsionale 2021. Cartelle esattoriali bloccate fino al 31 dicembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il Bilancio dello Stato previsionale per l’anno 2021 è stato approvato nella notte dal Consiglio dei Ministri che si è concluso intorno alle ore 2,00 a Palazzo Chigi. Decisioni importanti e particolarmente attese, data la profonda crisi economica attraversata per l’emergenza covid-19,  sono state assunte dal Governo.

I principali provvedimenti, diretti a incidere in modo significativo sulle tasche degli italiani sono riassunti in questo nostro promemoria.

CARTELLE ESATTORIALI

Prolungata fino al 31 dicembre prossimo la sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’Agente della Riscossione. Allo stesso tempo, si proroga al 31 dicembre anche il periodo durante il quale si decade dalla rateizzazione con il mancato pagamento di 10 rate, anziché 5. Prolungato di 12 mesi il termine della prescrizione per i nuovi accertamenti.

SANITA’

Attraverso lo stanziamento di 4 miliardi di euro si introduce un fondo per l’acquisto di vaccini (la previsione fa ben sperare che l’anno 2021 sarà quello della svolta nella lotta al coronavirus), la conferma anche per il prossimo anno di 30mila fra medici e infermieri assunti a tempo determinato per il periodo emergenziale e il sostegno delle indennità contrattuali per queste categorie.

RIFORMA E CUNEO FISCALE

Taglio del cuneo fiscale per i redditi oltre 28mila euro lordi l’anno e (a partire dal luglio 2021) assegno unico per le famiglie esteso anche agli autonomi e agli incapienti.

SOSTEGNO ALL’ECONOMIA

Verrà istituito un fondo da 4 miliardi di euro a sostegno dei settori maggiormente colpiti durante l’emergenza COVID quali il commercio e il turismo. Prorogata la moratoria sui mutui e la possibilità di accedere alle garanzie pubbliche fornite dal Fondo Garanzia PMI e da SACE.

LAVORO E PREVIDENZA

Il decreto legge finanzia ulteriori settimane di Cassa Integrazione COVID, con lo stesso meccanismo che prevede la gratuità della Cassa per chi ha registrato perdite oltre una certa soglia. Vengono inoltre prorogate le misure Ape Social e Opzione Donna.

SCUOLA, UNIVERSITA’, CULTURA

Sono incrementati fondi per il trasporto pubblico locale, in particolare per quello scolastico. Vengono destinati 1,2 miliardi per l’assunzione di 25mila insegnanti di sostegno e vengono stanziati 1,5 miliardi di euro per l’edilizia scolastica. È previsto un contributo di 500 milioni di euro l’anno per il diritto allo studio e sono stanziati 500 milioni di euro l’anno per il settore universitario. Sono destinati 2,4 miliardi all’edilizia universitaria e ai progetti di ricerca. Per il sostegno al cinema e alla cultura sono destinati 600 milioni di euro all’anno.

FAMIGLIE

Viene finanziata a partire da luglio 2021 una grande riforma per le famiglie, con l’introduzione dell’assegno unico. Viene inoltre prolungata la durata del congedo di paternità.

ABILITAZIONI PROFESSIONALI

Per le seguenti professioni non servirà più l’esame per l’abilitazione che, invece, verrà compreso direttamente nell’esame di laurea: lauree magistrali a ciclo unico in Odontoiatria e protesi dentaria, in Farmacia e farmacia industriale, in Medicina veterinaria, in Psicologia; lauree professionalizzanti in professioni tecniche per l’edilizia e il territorio, in professioni tecniche agrarie, alimentari e forestali, in professioni tecniche industriali e dell’informazione. Altre lauree potranno diventare abilitanti su richiesta degli ordini professionali e d’intesa con il Ministero dell’Università e della Ricerca.

Riguardo alle misure per frenare la diffusione del contagio è attesa una conferenza stampa per oggi da parte del Capo del Governo, Giuseppe Conte.

Potrebbero interessarti