Bibliot-eco a Ostia, sette quintali di rifiuti in cambio di decine di libri (VIDEO)

Una quarantina di volontari di Ostia Clean Up ha raccolto una marea di rifiuti all’Idroscalo in cambio di libri offerti dall’associazione Clemente Riva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Scambiare rifiuti raccolti nella città in cambio di libri. E’ il senso di Bibliot-eco, iniziativa che ha vissuto il suo primo appuntamento sabato 26 settembre all’Idroscalo insieme con i ragazzi di Clean Up Ostia. In una mattinata di lavoro sono stati raccolti 677 kg di immondizia che si è convertita in decine di libri regalati dall’associazione culturale “Clemente Riva”.

Bibliot-eco è la prima biblioteca di Roma dove sarà possibile scambiare 5 bottiglie di plastica per un libro in regalo. “Perché lo facciamo? – riflettono gli ideatori dell’iniziativa – Perché vogliamo promuovere l’idea di un mondo pulito dalla plastica ma anche dall’ignoranza e dalla noncuranza. Perché crediamo che il dialogo e l’informazione, lo scambio interculturale, l’interfacciarsi con idee diverse dalle proprie possano promuovere un’idea di sostenibilità tra individui e comunità. Perché anche se ambientalismo e cultura possono sembrare due mondi distinti l’uno dall’altro, quasi lontani, sono in realtà due binari che si intersecano sinuosamente diventando a tratti un percorso unico indirizzato verso lo stesso identico obiettivo: quello di vivere in un pianeta giusto ed equo, sostenibile, felice”.

Bibliot-eco a Ostia, sette quintali di rifiuti in cambio di decine di libri (VIDEO) 1
I libri distribuiti da Bibliot-eco ai volontari che hanno partecipato a Clean Up dell’Idroscalo

Così ieri mattina, sabato 26 settembre, i volontari di Clean Up si sono mobilitati per pulire gli spazi pubblici dell’Idroscalo. Una quarantina di ragazzi, sfidando fulmini, pioggia e tempesta, hanno raccogliere con il loro lavoro più di 677 kg di spazzatura. Nel bottino centinaia di scarpe, diversi pneumatici, enciclopedie, pupazzi, una stampante, una stufetta, sdraio, reti da pesca e lenze, bottiglie di vetro e plastica a non finire. Tra i partecipanti anche il campione olimpionico di taekwondo Carlo Molfetta.

Per tutta la domenica 27 settembre, in occasione dell’Eco Festival Plastic Free, Bibliot-eco sarà presente con uno stand al Porto Turistico di Roma. “Lì avrete modo di portarci le vostre bottiglie – possibilmente già pulite e lavate – e scegliere un libro in omaggio tra quelli che avremo disponibili. Ci teniamo particolarmente che l’intera organizzazione sia caratterizzata da un’idea di circolarità e sostenibilità. Per questo tutte le bottiglie che raccoglieremo non verranno gettate, ma saranno riciclate e riutilizzate per diverse attività artistiche con i bambini. Costruiremo dei pannelli e delle composizioni che serviranno a loro volta a sensibilizzare più persone sulla plastica negli oceani. Così l’arte – insieme ad ambiente e cultura – andrà a costituire il terzo pilastro sul quale Bibliot-Eco si regge“.

Potrebbero interessarti