Hacker e coronavirus: in Italia ogni 11 secondi un attacco informatico

Pirati informatici all’assalto: dall’inizio della pandemia gli attacchi informatici contro aziende italiane, studi legali, professionisti e utenti sono aumentati del 390 per cento
hacker
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Con l’arrivo del coronavirus è esploso il fenomeno degli attacchi hacker – truffe online, ma soprattutto ransomware – ai danni degli utenti italiani: nei primi sei mesi del 2020 sono aumentati del 390 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In molti casi si tratta di virus che bloccano il computer, e che necessitano del pagamento di un riscatto per tornare a funzionare.

Coronavirus e pirateria informatica: aziende e professionisti italiani sotto attacco

Una pioggia di attacchi informatici dunque, proprio in un momento in cui smart working e video conferenze espongono utenti e professionisti a intrusioni frequenti da parte degli hacker.

hacker

A riferirlo è il Dirigente della Polizia Postale Riccardo Croce, durante il convegno “Digitalizzazione e Sicurezza Informatica degli Studi Legali”, organizzato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma con la partecipazione di esperti della Polizia Postale e della Società Visura.

Secondo i dati presentati da Oren Elimelech – esperto di cybersecurity del Governo Israeliano – il numero delle aziende e degli studi professionali attaccati che hanno scelto di pagare il “riscatto” è molto alto: il 36 per cento. E fra questi circa uno su cinque – il 17% – non ha comunque recuperato i dati.

hacker

Ma alcuni semplici accorgimenti posso aumentare il livello di sicurezza sia dei signoli utenti che delle grandi compagnie: si tratta di regole di base ma che non sempre vengono seguite con attenzione. “Cambiare frequentemente le password e non usarne di troppo semplici o, peggio ancora, usare sempre la stessa parola chiave – spiega l’esperto del governo israeliano – aggiornare spesso tutti i software; dotarsi di un antivirus efficace. E poi diffidare ogni volta che qualcosa di sospetto appare nella casella di posta elettronica”.

“Le nuove tecnologie sono indispensabili – commenta il Presidente del Consiglio dell’Ordine di Roma Antonino Galletti – ma questo deve avvenire in sicurezza e nel rispetto delle norme sulla privacy“.

Per prudenza, dunque, sempre meglio avere un antivirus e un firewall a protezione del proprio pc: alcuni sono anche gratuiti. “Vale sempre il detto secondo cui prevenire è sempre meglio di curare – conclude il Consigliere Andrea Pontecorvo – e la spesa per riparare un danno subito, dimostrano le statistiche, è infinitamente maggiore di quella necessaria per mettere in sicurezza i sistemi”.

Leggi anche: Conte e Crisanti, scontro sui tempi del vaccino anti-covid

Conte e Crisanti, scontro sui tempi del vaccino anti-covid

 

 

Potrebbero interessarti