Più della pioggia è stato il mare in burrasca a mettere paura nelle ultime ore sul litorale. Il triste copione della distruzione si è ripetuto nello stabilimento “Nuova Pineta-Pinetina”, ad Ostia, dove la mareggiata ha spazzato via alcune cabine in legno trascinandole a largo. In piazzale Magellano, le onde hanno attaccato anche il chiosco del “Marechiaro”, lasciando sulla spiaggia cumuli di spuma marina. Il tutto accompagnato da improvvisi e violenti rovesci, che non concedevano il tempo di ripararsi alle poche persone in strada. Situazione sotto controllo all’idroscalo, dove il mare ha allagato piazza dei piroscafi e la primissima fascia dell’abitato, senza tuttavia sfondare. In serata, sul posto sono giunti uomini e mezzi della protezione civile e della polizia locale per dare supporto alla popolazione. A Fiumicino sono stati 19 gli interventi per alberi e rami caduti; mentre quattro famiglie sono state evacuate a passo della sentinella, dove l’acqua ormai saliva dal pavimento. Il sindaco montino ha chiesto particolare attenzione a quanti vivono a ridosso della costa: la situazione sul litorale focene, infatti, era e resta di massima allerta. La consigliera regionale Michela Califano ha incontrato l’assessore all’ambiente Mauro Alessandri, sollecitando interventi strutturali per salvare le spiagge dall’erosione. Purtroppo, le previsioni meteo per le prossime ore non sono incoraggianti: si parla di criticità idrogeologica arancione, con temporali, mareggiate e forti raffiche di vento.