L’Angelo Sale di Ladispoli mette in crisi la maggioranza. Il consigliere Giovanni Ardita è infuriato per i lavori della copertura dell’impianto che ancora non sono iniziati. Domenica scorsa i tifosi hanno assistito zuppi di pioggia alla sconfitta casalinga contro il Cassino.

“Sono dispiaciuto – ha dichiarato Ardita – auspico che ci sia una maggiore collaborazione degli uffici per velocizzare le pratiche. Ho sentito molte persone che a causa della mancanza della tettoia non vengono allo stadio nonostante abbiano anche l’abbonamento annuale. Il 31 dicembre, il credito sportivo ha inviato il bonifico bancario di 140mila euro alle casse del Comune. I nostri uffici avevano chiesto l’ok di Anas, Enac ed Enav perché la struttura si trova a ridosso dell’Aurelia, dell’eliporto e del poliambulatorio, prima di indire la gara d’appalto che sicuramente sarà riservata a ditte specializzate nel montaggio del materiale prefabbricato. L’amministrazione ha ottenuto i pareri favorevoli non ostativi, ma come è già accaduto in altri casi, la macchina amministrativa non ha funzionato alla perfezione. Tardiamo anche nelle cose più semplici per opere e strutture pubbliche che si devono portare a termine nell’interesse della collettività”, ha concluso Ardita.