Un ulteriore passo in avanti è stato fatto per la realizzazione del contratto di fiumi, costa e paesaggio etrusco-romano. La proposta presentata dalla fondazione Anna Maria Catalano, in risposta al bando regionale intitolato “sostegno al processo per la sottoscrizione dei contratti di fiume”, si è classificata al quinto posto della graduatoria. L’obiettivo generale, che si legge nel manifesto d’intenti sottoscritto da oltre quindici organizzazioni, è la ricomposizione socio-economica, ecologica e paesaggistica delle aree comprese tra i comuni di Cerveteri e Fiumicino. “Si tratta di un primo passo fondamentale per la tutela e la valorizzazione delle risorse idriche e del patrimonio ambientale, sociale e culturale connesso – spiega nel comunicato la fondazione – la pluralità dei soggetti coinvolti rende bene conto della complessità del progetto, che sta prospettando importanti ed inediti risultati per il nostro territorio. Il punto di arrivo di questo primo procedimento – prosegue – è la firma di un contratto di fiume, ma verrà anche promossa l’integrazione di politiche a livello di bacino idrografico, incoraggiando la partecipazione di soggetti pubblici e privati per far divenire l’opportunità offerta dalla Pisana, un motore economico ed identitario del nostro territorio”. – conclude la fondazione.