Domani alle 10, presso la sala consiliare del comune di Fiumicino, si svolgerà la seconda riunione del tavolo permanente, dove verrà analizzata la crisi delle aziende presenti nel territorio. “All’appuntamento parteciperanno anche I lavoratori della Opel, che hanno in atto la procedura di licenziamento collettivo per motivi strutturali. La trattativa terminerà la vigilia di Natale”, ha ricordato la rappresentanza sindacale che prosegue: “la nostra vicenda è il frutto di errate scelte manageriali, difficoltà gestionali e visioni poco lungimiranti. Il tempo scorre inevitabilmente – conclude il sindacato – e siamo pronti allo scontro diretto con I proprietari per farci dare valide alternative per la perdita del lavoro”. Intanto, sempre a Fiumicino montano le polemiche sul nuovo appalto per il sociale: “Cinquanta persone rischiano il posto – ha denunciato il capogruppo di Forza Italia Alessio Coronas – le cosiddette clausole di salvaguardia prevedono il riassorbimento di tutto il personale, invece sembrerebbe che qualcuna delle cooperative subentranti dal primo gennaio abbia iniziato a contattare gli utenti della coop uscente per avere notizie, prospettando un mancato rispetto delle condizioni. Ciò ci lascia molto perplessi in quanto non si possono fare assunzioni in base a preferenze. Chiediamo al sindaco di farsi garante delle corrette procedure. Continueremo a vigilare per tutelare I dipendenti che sono pronti a prendere posizioni forti”, ha terminato Coronas.