Il termine ultimo è fissato per il 31 dicembre 2020 e non si può decidere di tergiversare ulteriormente. Il tema è quello delle concessioni demaniali marittime e la consigliera regionale Michela Califano non usa mezzi termini: “Il comparto balneare è uno dei settori produttivi trainanti del paese, con ricadute occupazionali dirette e indirette notevoli. L’annosa questione delle concessioni rischia però di compromettere questo asset. Le disposizioni in materia del precedente governo sono entrate in contrasto con le normative europee, l’ormai famosa direttiva Bolkestein, creando un pericoloso limbo: per questo, è importante che si trovi al più presto una soluzione. In tal senso – annuncia Califano – ho presentato una mozione che impegna il presidente Zingaretti a sollecitare il governo affinché provveda a chiarire l’iter applicativo della legge 145 del 30 dicembre 2018 e ad attivarsi fornendo opportuno supporto amministrativo, qualora richiesto, nei confronti dei comuni della costa laziale interessati dalle nuove disposizioni in materia, così che si possano concludere in tempi celeri i procedimenti in corso di rideterminazione della durata delle concessioni” – conclude la consigliera del Pd.