La foto di un ciclista intento a praticare il suo sport sulla Pontina, ha scatenato una fervente discussione sui gruppi social di Pomezia. “L’uomo per legge poteva circolare all’interno della strada o no?”. E’ questo il quesito che ha acceso il dibattito. Effettivamente il dubbio è più che mai legittimo, visti gli ultimi dati che danno la statale 148 come una delle più pericolose nel lazio, con centinaia di incidenti, di cui molti mortali. La risposta però è che nei primi anni del duemila la Pontina è stata declassata a strada extraurbana secondaria a causa delle molte uscite ritenute poco sicure e dunque non è previsto alcun divieto di transito per le biciclette. Nonostante il limite di velocità sia stato abbassato da 110 a 90 chilometri orari nel tratto fra Latina e Pomezia e a 70 tra quest’ultima e Spinaceto, i cittadini sembrano tutti concordi nel ritenere che in queste circostanze il buon senso dovrebbe prevalere. Infine, inevitabilmente, sono scoppiate le polemiche per le corsie troppo strette e per le pessime condizioni del manto stradale, a causa delle buche e dell’asfalto consumato.