Roma Capitale ha rilevato abitudini, qualità della vita e prospettive dei ragazzi tra I 18 e I 35 anni. Per farlo ha sperimentato l’“Indice di benessere giovanile” ideato dall’istituto “Demoskopika“. Sette le aree tematiche su cui si basa la ricerca: autonomia abitativa, istruzione, lavoro, benessere soggettivo e psicologico, salute, partecipazione, fiducia nelle istituzioni. Dalle 3mila persone coinvolte è emerso che gli under 35 sono autonomi e felici, credono in se stessi oltre che nella famiglia e nell’amicizia, vorrebbero un’occupazione coerente con il percorso di studi. Nel tempo libero amano guardare le serie tv sulle piattaforme, leggere I quotidiani on-line e praticare sport. E ancora: manifestano un orientamento socialmente aperto all’integrazione culturale e condannano l’odio in rete. Tra le preoccupazioni principali: non riuscire a lavorare. Non si fidano molto di sindacati e banche, considerano l’impegno politico e la religione poco importanti per la loro vita. “abbiamo voluto commissionare un’indagine a largo spettro sulla popolazione dei giovani – dichiara l’assessore Daniele Frongia – per poterne tracciare il contesto sociale in cui si muovono. L’amministrazione si propone, su questa base, di individuare una serie di possibili azioni da mettere in atto per favorire il loro inserimento all’interno della società. Lo studio contribuisce, infatti, a documentare le conoscenze sul mondo dei ragazzi permettendo una migliore comunicazione istituzionale” – ha concluso Frongia.