“La scuola superiore non si farà”. Si arrende definitivamente il sindaco di Ardea che ha inviato un dossier a Città Metropolitana, Pisana e Prefetto per fare il punto della situazione: “E’ inaccettabile – tuona Mario Savarese – Stato, Regione e Provincia devono garantire il diritto allo studio a tutti. I cinque milioni di euro promessi per la realizzazione di un istituto sono rimasti sulla carta. Se le spese fossero suddivise in funzione della popolazione, ardea dovrebbe ricevere dall’ex provincia opere pubbliche pari a un milione e seicentomila euro o addirittura un milione e ottocentomila se la ripartizione fosse in relazione alla superficie del comune. Riceviamo invece finanziamenti vicini allo zero. Tremila studenti sono costretti ad emigrare in altri comuni per seguire le lezioni. Qui manca tutto: presidio di polizia, guardia di finanza, vigili del fuoco, cinema e ospedale. E’ una situazione drammatica che costringe I nuclei familiari ad un pendolarismo permanente”, conclude Savarese.