Ad Ardea si è svolta l’assemblea dei lavoratori comunali, da tempo in stato di agitazione. Le motivazioni della vertenza sono relative alla mancata sottoscrizione del contratto collettivo integrativo firmato il 19 dicembre, come pre-intesa, da tutte le organizzazioni sindacali. “L’incontro si è tenuto nello spazio antistante l’aula consiliare dopo il divieto di poter utilizzare la stessa da parte del presidente del consiglio comunale nonostante fosse libera”, fanno sapere i sindacati che denunciano – “L’assemblea si è tenuta tra arbusti e passaggio di topi e i dipendenti hanno dato mandato all’unanimità di continuare con tutte le azioni legali, affinché l’amministrazione faccia sottoscrivere l’accordo approvato dai revisori dei conti e dalla giunta. Recentemente il Comune ha firmato una nuova delibera di modifica, in maniera unilaterale, senza che fosse stato sottoscritto alcun ulteriore accordo. Riteniamo questo dietrofront grave e incomprensibile. Per questo motivo nei prossimi giorni sarà inviata la richiesta di un ennesimo tentativo di conciliazione al prefetto. In caso di esito negativo – concludono le sigle sindacali – scatterà la protesta”.