Civitavecchia, pronto soccorso trasferito per lavori

A causa degli interventi di ristrutturazione cambiano le modalità di accesso alla struttura di Civitavecchia

avecchia, pronto soccorso trasferito per lavori
Foto: Canaledieci (repertorio)

Il pronto soccorso dell’ospedale “San Paolo” di Civitavecchia è in fase di ristrutturazione e, per questo motivo, l’accesso alle aree ospedaliere, sia esterne che interne, subiranno delle variazioni fino al termine dei lavori. Ecco cosa cambia negli accessi del pubblico.

A causa degli interventi di ristrutturazione cambiano le modalità di accesso alla struttura di Civitavecchia

Il pronto soccorso dell’ospedale San Paolo è stato trasferito nell’ala sinistra al piano terra della struttura, presso i locali dell’ex piastra ambulatoriale.

La Asl Roma 4 ha fornito tutta una serie di indicazioni, valide a partire dalla giornata di oggi, lunedì 20 maggio.  

L’ingresso all’ospedale, ai reparti e agli ambulatori è stato spostato al piano meno uno. I pazienti e gli accompagnatori che devono accedere ai reparti e agli ambulatori devono utilizzare gli ascensori adiacenti la farmacia.

I reparti di Oculistica, Dialisi, Laboratorio Analisi e Oncologia sono raggiungibili con gli ascensori del reparto di Radiologia al piano meno uno.

Si tratta di interventi necessari per l’avvio del cantiere di riqualificazione della piastra di emergenza. I lavori di ristrutturazione, che partiranno la settimana prossima, dovrebbero durare circa sei mesi.

Gli interventi di manutenzione straordinaria sono effettuati dalla Asl Roma 4 grazie ad uno specifico stanziamento regionale di fondi per il Giubileo. Con gli stessi fondi saranno acquistati anche nuovi arredi e attrezzature destinate al pronto soccorso.

L’accesso dell’utenza al pronto soccorso sarà consentito dall’ingresso principale dell’ospedale, seguendo le indicazioni e i percorsi delineati dalla direzione sanitaria.

Per i casi di emergenza e per i portatori di handicap sarà garantito l’accesso con veicoli privati, dall’ingresso carrabile di largo Donatori del sangue.

“Ci scusiamo con l’utenza per i possibili disagi dovuti all’avvio del cantiere assicurando che nelle prossime settimane saranno previste ulteriori misure per agevolare l’accesso alla struttura dei pazienti, dei familiari e degli operatori – hanno spiegato il direttore generale Roberto Di Cicco e la direttrice sanitaria Simona Ursino – sono lavori necessari tuttavia per poter restituire alla città un Pronto soccorso più spazioso, confortevole e funzionale a vantaggio dell’utenza e degli operatori sanitari. Il cantiere lavori sarà monitorato con attenzione – prosegue la Direzione – allo scopo di garantire il rispetto del cronoprogramma e concludere i lavori entro il mese di dicembre, ripristinando così l’ordinaria fruibilità della struttura ospedaliera”.