Roma, un urto allo specchietto dell’auto e il Rolex sparisce: nuovo colpo

In azione una banda di rapinatori di Rolex: una botta allo specchietto delle auto e l'orologio sparisce

Foto non collegata ai fatti

I possessori dei Rolex sono avvisati: c’è una banda di rapinatori a Roma che sfila i costosi orologi dopo aver provocato un lieve quanto finto incidente. Basta un colpo allo specchietto dell’auto, il proprietario allunga le mani per riaprirlo e scatta la rapina. A volte con pistola, altre volte non.

In azione una banda di rapinatori di Rolex: una botta allo specchietto delle auto e l’orologio sparisce

L’ultimo colpo nel pomeriggio di ieri in via Panama, ai Parioli. A ritrovarsi senza il prezioso orologio al polso un  72enne romano che lo aveva appena ritirato da una gioielleria di viale Parioli. A strappargli l’orologio, un Rolex Datejust oro dal valore di 13mila euro, due rapinatori su motorino e il volto coperto da un casco.

Dei professionisti che agiscono con colpi seriali. Seguono l’automobilista malcapitato, al momento opportuno si accostano alla sua auto, danno una botta allo specchietto retrovisore lato guida e quando il conducente istintivamente allunga la mano per riaprire lo specchietto, scatta la rapina.

Il colpo di ieri è stato messo a segno in pieno giorno. La vittima ha avvertito subito il 112. Sul posto sono accorsi gli uomini della squadra volante della Questura. Il settantenne ha raccontato e denunciato l’accaduto ma rifiutato un controllo in ospedale. Era solo turbato, non ferito.

Ora sulla rapina di via Panama indagano gli agenti del distretto Salario Parioli.

Il precedente

Pochi giorni fa a un turista è andata peggio: è stato non solo rapinato del suo Rolex da 30mila euro, ma anche malmenato. È accaduto sul lungotevere Raffaele Sanzio, nei pressi di piazza Trilussa. La vittima un 29enne di nazionalità messicana.

L’aggressione a scopo di rapina si è consumata poco prima delle 2 della notte fra venerdì 3 e sabato 4 maggio.

Sul posto, dopo aver ricevuto la segnalazione di una rapina, sono intervenuti gli uomini della Polizia di Stato. Da una prima ricostruzione, il 29enne è stato avvicinato da due italiani che, dopo averlo aggredito, gli hanno strappato l’orologio dal polso per poi scappare.