Ricercato per tentato omicidio in Belgio si era rifugiato a Ostia: arrestato 40enne

Senza fissa dimora fermato mentre vagava su via di Castel Fusano: doveva scontare oltre otto anni per il tentato omicidio di un parente in Belgio

ROMA-DISTRUGGE-SCOOTER-CITOFONO-PORTA-GIOVANE-ARRESTATO-
Foto di archivio

C’era addirittura un mandato di arresto internazionale nei confronti del 40enne romeno intercettato e arrestato in queste ore dagli uomini della Polizia di Stato della sezione volanti, del Reparto Prevenzione Crimine del Lazio e del X Distretto Lido di Roma. A far scattare il controllo la scorsa sera, è stata la sua andatura sospetta e barcollante su via di Castel Fusano.

Senza fissa dimora fermato mentre vagava su via di Castel Fusano: doveva scontare oltre otto anni per il tentato omicidio di un parente in Belgio

Era finito nel X Municipio dove forse si era rifugiato già dal 2022, anno nel quale era riuscito a sfuggire ad un mandato di arresto europeo, dopo un episodio di tentato omicidio, il 40enne romeno arrestato dalla Polizia di Stato su Via di Castel Fusano.

L’uomo era riuscito a fare perdere le sue tracce dopo che nel 2019 mentre si trovava in Belgio, aveva tentato di uccidere un cugino sferrandogli contro diversi colpi di coltello e riducendolo in fin di vita.

La vittima sarebbe riuscita a salvarsi e il suo aggressore a scappare, fino all’altra sera, quando un uomo che vagava su via di Castel Fusano barcollando sul ciglio della strada e strusciando contro la vegetazione, ha attirato l’attenzione degli operanti in servizio di controllo.

Quando i poliziotti lo hanno fermato per identificarlo in quelle condizioni e hanno provato a rivolgergli delle domanda, le sue risposte sconnessa li hanno indotti ad accompagnarlo presso i propri uffici per approfondirne gli accertamenti.

Una giusta intuizione confermata da quanto poi subito è emerso su di lui e sulle ricerche che erano state avviate da oltre due anni sul senza fissa dimora per le gravi accuse di tentato omicidio del parente, per cui doveva scontare una pena definitiva di otto anni e due mesi.

Dopo aver eseguito il provvedimento emesso dall’autorità belga, i poliziotti  hanno messo l’uomo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria italiana.