Velletri, 63enne prende a calci e pugni il vice-parroco e due donne: denunciato

Il denunciato, in preda a deliri psichici, ha assalito a calci e pugni il religioso e due donne che si trovavano nei pressi di una chiesa

CERVETERI-LADRI-CASA-RAZZIA-
Nel supermercato sono intervenuti i carabinieri

Un uomo di 63 anni ha aggredito a Velletri il vice-parroco della locale basilica di San Clemente e due donne che si trovavano lì con lui nella struttura, in preda a deliri psichici, obbligando le forze dell’ordine ad intervenire.

Il denunciato, in preda a deliri psichici, ha assalito a calci e pugni il religioso e due donne che si trovavano nei pressi di una chiesa

A quel punto si è creato il panico dentro e fuori dalla Basilica, dando vita ad attimi concitati e facendo intervenire i carabinieri che hanno dunque raccolto la denuncia dopo aver identificato l’uomo, denunciato per lesioni, mentre parroco e due donne sui settant’anni sono andate entrambe a farsi medicare.

Per accertamenti, l’uomo autore dell’aggressione al parroco e alle due fedeli, risultava già essere in cura presso strutture psichiatriche ed è stato ricoverato all’ospedale di Ariccia subito dopo l’evento, avvenuto il 24 gennaio verso le 15 nei pressi della basilica veliterna.

In particolare a riportare le conseguenze peggiori, presa a calci dall’aggressore, è stata una donna di 73 anni che ha riportato una ferita alla gamba, venendo medicata con una prognosi di 10 giorni, dopo il ricovero al pronto soccorso, una volta arrivata in loco l’ambulanza con il personale medico dell’Ares 118.

Fortunatamentee il vice parroco e l’altra donna malmenata se la sono cavata con qualche escoriazione ma conseguenze molto più lievi, a parte il grosso spavento.

Le indagini procedono per appurare il passato clinico del denunciato, che resta tuttora a disposizione dell’autorità giudiziaria, portate avanti dai militari dell’Arma del nucleo radiomobile di Velletri.

Nei giorni scorsi, sempre parlando di eventi avvenuti nell’hinterland di Roma, ad Artena un uomo è stato arrestato per atti persecutori, tanto da arrivare a terrorizzare la ex compagna con minacce e appostamenti, in preda alla rabbia per la rottura con la sua precedente donna.

Se vuoi approfondire questi argomenti, clicca sulle parole chiave colorate in arancione e leggi gli articoli presenti e correlati, recentemente pubblicati sul nostro sito d’informazione Canaledieci.it.