Roma, con lo scooter rubato uccidono un anziano: caccia a 2 pirati della strada

Centrato da uno scooter rubato Luigi Locantore muore il giorno dopo in ospedale

Viene investito da un scooter rubato e muore in ospedale dopo 24 ore di agonia. Ancora una vittima della strada a Roma: la vittima un 70enne falciato su viale Carnaro dal conducente di uno scooter, un Piaggio Liberty, subito fuggito via assieme al suo passeggero-complice.

Centrato da uno scooter rubato Luigi Locantore muore il giorno dopo in ospedale

La tragedia – appresa solo oggi – risale alla tarda serata di venerdì primo dicembre a Montesacro. Per Luigi Locantore, 70 anni, i medici si sono dovuti arrendere. L’indomani infatti è morto per le gravissime ferite riportate.

L’investimento è avvenuto intorno alle 22.15 all’altezza del civico 9 di viale Carnaro, a Montesacro.

In pedone, che stava attraversando sulle strisce, era stato ricoverato in codice rosso all’ospedale Sandro Pertini e poi trasferito con urgenza al policlinico universitario Agostino Gemelli dove è morto.

A cercare di dare un volto al pirata della strada e all’amico che lo ha spalleggiato ora gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale. Al vaglio le telecamere della zona.

La vittima, originaria di Matera, era venuto a Roma a trovare la figlia che vive proprio a Montesacro.

I pirati della strada sono stati immortalati da alcune immagini di video sorveglianza da cui si è potuto risalire al numero di targa del mezzo. Era stato rubato un mese fa al Nuovo Salario e ritrovato poi in un altro quartiere abbandonato.

L’uomo è la 181esima vittima della strada tra Roma e provincia dall’inizio dell’anno.

Pedoni a rischio

Pedoni falciati, anche sulle strisce pedonali. A Roma diventa rischioso anche attraversare camminare su un marciapiede o attraversare apparentemente in sicurezza una strada.

A ottobre un altro drammatico incidente stradale: uno studente universitario di Sacrofano, Gabriele Sangineto, è morto il 19 ottobre alle 7 del mattino a Labaro mentre attraversava la strada. A investirlo due auto, tra cui una guidata da un tassista.

Dall’inizio dell’anno tra Roma e il suo hinterland sono morti investiti una quindicina di pedoni. Il più giovane aveva 11 anni.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO