Screening gratuito per la prevenzione dell’ictus: come prenotare a Fregene

L'iniziativa "Previeni l'ictus" si svolgerà presso il Poliambulatorio della Asl Roma 3

Infernetto, febbraio mese della prevenzione gastroenterologica: gli screening DMLab

Screening gratuiti per la prevenzione dell’ictus sono in programma a Fregene, con l’organizzazione del Rotary Club Fiumicino Portus Augusti in collaborazione con il Comune e la ASL.

L’iniziativa intende ricordare l’importanza della valutazione del rischio cardiovascolare individuale e della sua prevenzione.

Questi i dettagli dell’appuntamento in programma nel mese di dicembre con tutte le informazioni per potersi prenotare.

L’iniziativa “Previeni l’ictus” si svolgerà presso il Poliambulatorio della Asl Roma 3

Nel mese di ottobre si era svolto il primo appuntamento con “Previeni l’ictus”, un open day che prevedeva lo screening gratuito dell’esame del ritmo cardiaco. L’iniziativa ha avuto un grande riscontro e così, a breve, si terrà un secondo appuntamento.

Sabato 9 dicembre “Previeni l’ictus” si svolgerà a Fregene, presso il Poliambulatorio Asl Roma 3 (viale della Pineta 76).

Si potrà effettuare l’esame dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17, chiamando nei giorni feriali dalle 9.30 alle 13 i seguenti numeri: 351. 360.4003 – 351.784.8225.

La prenotazione è obbligatoria.

A chi è rivolto “Previeni l’ictus”

Si tratta di un’iniziativa rivolta alla popolazione che ha una fascia di età compresa tra i 50 e i 70 anni. Lo scopo è sia quello di consentire alle persone di effettuare degli esami gratuiti sia di svolgere attività di informazione per promuovere anche corretti stili di vita e fornire consulenze in merito.

La Fibrillazione Atriale -spiegano dal Rotary – che colpisce mediamente il 2% degli adulti e oltre i 40 anni una persona su 4, è una delle cause più frequenti di ictus. Con il progetto ‘Previeni l’Ictus’ si vuole consentire a un’ampia fascia di popolazione di usufruire gratuitamente dello screening del ritmo cardiaco al fine di evitare o prevenire il rischio di sviluppo di queste patologie“.

Spesso, tra l’altro, la fibrillazione atriale è asintomatica e molti pazienti sviluppano sintomi labili, o che vengono appena percepiti, come la presenza di palpitazioni o un vago fastidio toracico. Saperli riconoscere è fondamentale per poter intervenire in tempo.