Roma, danni nella notte al pronto soccorso del Santo Spirito: denunciato 35enne romano

Arrestato per tentata rapina e violenza: dà in escandescenza al Pronto Soccorso dell'Ospedale Santo Spirito e distrugge arredi e bagni

incidente roma

Roma: intervento nella notte dei Carabinieri della Stazione Trionfale per una chiamata al 112 provenuta dai residenti di Via Giuseppe Ferrari in zona Prati, testimoni di una colluttazione tra due persone in strada.

I due coinvolti nella lite, erano il proprietario di una moto ed il ladro che stava tentando di rubarla dal parcheggio, finiti entrambi al pronto soccorso per lesioni. Il ladro trasportato all’Ospedale Santo Spirito, ha poi dato in escandescenza distruggendo arredi e servizi igienici.

Arrestato per tentata rapina e violenza: dà in escandescenza al Pronto Soccorso dell’Ospedale Santo Spirito e distrugge arredi e bagni

Un 35enne romano è stato fermato per tentata rapina e violenza ai danni del proprietario della moto che stava cercando di rubare dal parcheggio su via Giuseppe Ferrari nel rione Prati.

Mentre il ladro stava cercando di mettere a segno il furto, il proprietario della moto si è accorto di quanto stava succedendo ed ha raggiunto il 35enne. Ne è nata una colluttazione durante la quale entrambi sono rimasti feriti.

Il ladro è stato portato all’Ospedale Santo Spirito mentre il proprietario del veicolo, è stato trasportato in ambulanza all’Ospedale Umberto I.

Entrambi non in gravi condizioni, hanno ricevuto cure mediche, ma il 35enne colto il flagranza, poco dopo il trasporto e l’assistenza ha dato in escandescenza iniziando a danneggiare arredi e servizi igienici del Pronto soccorso del Santo Spirito.

L’uomo è stato quindi di nuovo bloccato dai militari, e alla denuncia per rapina impropria si è aggiunta quella a piede libero, per gravi danneggiamenti.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Baraonda al Pronto soccorso: 48enne in attesa picchia medico, due infermiere e i carabinieri