Infernetto, finisce la relazione e lei massacra di botte lui: 30 giorni di prognosi

Lei ha aggredito il compagno perché deciso a interrompere la relazione: dopo le liti le botte

Una ambulanza durante un intervento
Un' ambulanza. Foto di repertorio

Lei non si rassegna alla fine della relazione, un fatto che risale al mese di luglio, e pur di non abbandonare la casa inizia con l’uomo un braccio di ferro di discussioni, accuse, offese e liti anche con il figlio. Fino a ieri, venerdì 14 ottobre, dopo mezzogiorno quando lo ha picchiato facendolo finire in ospedale con 30 giorni di prognosi.

Lei ha aggredito il compagno perché deciso a interrompere la relazione: dopo le liti le botte

Teatro dell’ultimo capitolo di questa brutta storia: un’abitazione dell’Infernetto dove l’uomo è titolare di un contratto di affitto. Qui i due, sulla cinquantina, hanno convissuto per un periodo. Il periodo romantico e di serenità familiare, però, non è durato a lungo. Poi è arrivata la decisione di lui di interrompere la relazione.

Decisione che la donna non sembra però voler accettare, tanto da rivendicare il diritto di continuare a vivere sotto lo stesso tetto continuando, per di più, a covare rabbia e rancore contro di lui.

Fino al triste epilogo di ieri quando all’Infernetto sono dovuti intervenire i carabinieri e un’ambulanza che ha trasportato l’uomo al pronto soccorso del Campus sulla Laurentina.

Qui i medici hanno dovuto medicare e suturare anche alcune ferite all’uomo.

Quando ad aggredire è lei

Lei contro lui. Non è la prima volta. Ci sono state donne finite sotto processo per aver preso a padellate il proprio marito; in un caso a finire in ospedale dopo l’aggressione da parte della moglie un pugile.

Nell’impennata di violenze domestiche durante il periodo della pandemia, sono aumentati anche i casi di aggressioni di donne contro gli uomini, anche se la piaga più grave resta quella dei femminicidi e in particolare degli uxoricidi.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link e digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.