Roma, sassaiole vicino ai campi rom: stavolta presi a bersaglio i vigili urbani

Si susseguono le sassaiole contro bus e auto di servizio: oggi nel mirino una pattuglia della Polizia Locale di Roma Capitale rimasta danneggiata

Non solo gli autisti di Atac. Sassaiole anche contro le pattuglie della polizia locale di Roma Capitale. Oggi a finire bersaglio di lanci di sassi un’auto di servizio dei caschi bianchi  impegnati in un controllo nel campo rom di via Salviati. Il fatto è avvenuto proprio vicino alla baraccopoli di Tor Sapienza.

Si susseguono le sassaiole contro bus e auto di servizio: oggi nel mirino una pattuglia della Polizia Locale di Roma Capitale rimasta danneggiata

Fortunatamente un grosso sasso appuntito ha centrato solo la vettura danneggiandola e non più i vigili urbani in servizio.

A denunciare l’accaduto in una nota stampa il segretario romano del Sulpl (Sindacato autonomo lavoratori polizia locale) Marco Milani.

È notizia di questa mattina l’ennesimo lancio di pietre contro un auto della polizia locale di Roma Capitale che solo fortunosamente non hanno arrecato danno al personale, impegnato nel piantonamento dell’ingresso del campo nomadi di via Salviati“, denuncia il sindacalista.

Dopo i recenti fatti di cronaca che hanno visto localizzare refurtiva all’interno dei campi di via Candoni e Salviati, ormai considerati inespugnabili, siamo tornati ai tempi delle sassaiole e delle aggressioni ad uomini e mezzi della polizia locale impegnati all’ingresso dei campi”, chiarisce.

Torniamo a chiedere al sindaco Gualtieri ed al comandante del corpo, di finirla con i piantonamenti di facciata all’esterno dei campi, e di ritornare ai serrati periodici controlli sull’effettiva identità dei residenti e soprattutto sul loro rispetto del patto di legalità contratto con il comune di Roma”. La conclusione di Milani: “La sicurezza urbana e degli operatori non è solo la vetrina del Colosseo“.

Pochi giorni fa a finire bersaglio un bus di Atac che stava rientrando nella rimessa di via Candoni (leggi qui), non lontano dal campo rom.

L’assessore comunale ai Trasporti Eugenio Patanè  a seguito di un altro bus preso a sassate il 10 agosto nella stessa zona aveva lanciato l’allarme: “Chiudete quel campo rom e trasferitelo da un’altra parte per la sicurezza dei cittadini e dei lavoratori Atac. Il deposito è diventato un obiettivo sensibile“. Il suo precedente appello ad aprile. 

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Roma, sassate contro bus di Atac: nuovo attacco in via Candoni