Roma, dramma della solitudine: scoperti due cadaveri in poche ore

Trovati due corpi in decomposizione: il primo di una sessantenne a Tivoli e l'altri di un 64enne di Guidonia. La morte risalirebbe a prima di Ferragosto

E’ in aumento il fenomeno delle morti in solitudine, scoperte casualmente a distanza di giorni. Oggi alle porte di Roma sono stati rinvenuti i cadaveri di due sessantenni, morti soli, nelle rispettive case, probabilmente già prima di Ferragosto.

Trovati due corpi in decomposizione: il primo di una sessantenne a Tivoli, l’altro di un 64enne di Guidonia. La morte risalirebbe a prima di Ferragosto

Il primo rinvenimento intorno a mezzogiorno nel centro storico di Tivoli dove carabinieri e agenti della Polizia Locale hanno forzato la porta di un appartamento per accertare se la proprietaria fosse all’interno.

La donna, una sessantenne, maestra di una scuola primaria, è stata trovata morta in casa in via San Valerio, nel quartiere medievale. Era una donna gioviale, molto amata dagli alunni, ma rimasta sola da quando un paio di anni fa era morta la madre, mentre i contatti con amiche e colleghe, forse per la sua estrema riservatezza, in genere si limitavano ad incontri in strada.

Ma sono state proprio le amiche della piazza a ridosso di Villa Gregoriana a far scattare l’allarme. Da troppi giorni della donna, negli ultimi mesi magrissima, non si vedeva più in giro, nemmeno per fare la spesa o comprare le sigarette.

Poche ore dopo altro rinvenimento ad Albuccione di Guidonia dove in un appartamento è stato trovato un cadavere in avanzato stato di decomposizione di un 64enne. I vicini non lo vedevano da prima di Ferragosto. L’uomo, però, aveva problemi di salute e non sarebbe potuto partire.

Un fenomeno quelle delle morti in solitudine, con cadaveri rinvenuti a distanza di giorni o settimane, che non riguarda più solo persone molto anziane, come confermano i rinvenimenti di oggi a Tivoli e Guidonia.

I corpi in genere vengono ritrovati ormai in decomposizione, le casa puzzolenti, piene di resti di cibo avariato. A dare l’allarme in genere sono i vicini infastiditi dal cattivo odore.

Oggi in tutti e due i casi sono intervenuti i carabinieri, gli agenti della Polizia Locale e i vigili del fuoco chiamati per forzare le rispettive porte.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Tivoli, dramma della solitudine: 83enne muore di stenti a pochi passi da casa