“Pulire Roma”: è questa la priorità comunicata da Roberto Gualtieri ai minisindaci

Nel giorno del suo insediamento da sindaco, Roberto Gualtieri incontra i presidenti dei Municipi e detta la linea prioritaria: pulizia e diserbo della città

Roberto Gualtieri Virginia Raggi

Diserbo e pulizia. Questi sono i principali problemi a cui dare risposta urgente. Nel giorno del suo insediamento, alla fine delle cerimonie, il nuovo sindaco Roberto Gualtieri ha incontrato i neo-eletti presidenti dei Municipi e ha dettato loro la priorità: ripulire Roma.

Nel giorno del suo insediamento da sindaco, Roberto Gualtieri incontra i presidenti dei Municipi e detta la priorità: pulizia e diserbo della città

Sono queste le linee di indirizzo comunicate ai minisindaci da Gualtieri durante l’incontro di ieri sera in Campidoglio. Gualtieri ha ascoltato i minisindaci, le problematiche strutturali e le loro priorità nell’azione di governo.

E già nella mattinata, al passaggio di consegne con Virginia Raggi, Gualtieri aveva anticipato le azioni immediate di governo. Dalla pulizia della città alla candidatura di Roma a Expo 2030. Questi erano stati, infatti, i temi al centro del colloquio in Campidoglio tra l’ormai ex sindaca di Roma Virginia Raggi e il suo successore, Roberto Gualtieri, in occasione del passaggio di consegne. Un incontro, come viene riferito, dai torni cordiali che è durato circa un’ora.

«Sono onorato finalmente di assumere questo ruolo cui dedicherò tutto mio il impegno e la mia passione». Con la sindaca uscente «abbiamo parlato dei dossier più importanti e ora inizierà per me il lavoro. Ringrazio Raggi per il lavoro di questi anni e ora inizia fase per me intensa e appassionante».

Che la città sia sporca e invivibile, soprattutto nell’area della stazione Termini e in quasi tutte le periferie, concorda anche uno dei sindaci di Roma più apprezzati degli ultimi decenni, Francesco Rutelli. “La priorità per Roma è essere ripulita” ha sottolineato in una intervista a La Repubblica. Il neo eletto Roberto Gualtieri «ha una magnifica opportunità: nessuno ha mai avuto a disposizione i fondi che avrà il sindaco di Roma nei prossimi anni», sottolinea il suo predecessore. E ciò che va fatto con quei soldi è «un sistematico programma di manutenzione e di decoro urbano – prosegue l’ex ministro -. Bisogna rimettere ordine alla città, bisogna pulirla e tenerla pulita non solo in vista dell’Anno Santo. Ma bisogna correre, i tempi sono già stretti». Per farlo serve «una super squadra», spiega Rutelli.

La criticità di Colfelice

A compromettere il piano d’urgenza del nuovo sindaco, però, è la decisione di sospendere da oggi il conferimento dei rifiuti nella centro di Colfelice. Da oggi, infatti, scatta il blocco del conferimento dei rifiuti indifferenziati all’impianto Saf di Colfelice. La decisione dei vertici dell’impianto Tmb, del presidente Migliorelli e del direttore tecnico Suppressa, è scaturita dalle analisi eseguite sui rifiuti in lavorazione, nei quali sono stati rilevati valori oltre soglia di zinco.  In base alla nota inviata dagli uffici Saf ai Comuni, incluso quello di Roma, il blocco dei conferimenti è “fino a data da destinarsi”.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.