X Municipio al ballottaggio – Monica Picca e Mario Falconi: “Cosa farò nei primi 100 giorni di governo”

I provvedimenti dei primi 100 giorni in caso di elezione a presidente della candidata del centrodestra Monica Picca e di Mario Falconi del centrosinistra

ballottaggio Picca Falconi

Domenica 17 e lunedì 18 maggio si vota per il ballottaggio sia per la carica di sindaco di Roma (Enrico Michetti contro Roberto Gualtieri) che per quella di presidente dei municipi in cui è suddivisa la Capitale.

I provvedimenti dei primi 100 giorni in caso di elezione a presidente della candidata del centrodestra Monica Picca e di Mario Falconi del centrosinistra

Dunque, si vota anche nel X Municipio, quello che racchiude i quartieri di Ostia, Infernetto, Casal Palocco, Axa, Malafede, Casal Bernocchi, Acilia, Dragona e Ostia Antica. A sfidarsi (leggi qui) sono Monica Picca della Lega – sorretta dai voti degli elettori oltre che del suo partito anche di Fratelli d’Italia, Forza Italia, Civica per Picca, Civica per Michetti, Rinascimento Sgarbi – e Mario Falconi del Pd che può contare sui voti dem e di Europa Verde, Roma Futura, Sinistra Ecologista, Demos, Civica per Gualtieri.

I primi 100 giorni di Monica Picca

X Municipio al ballottaggio - Monica Picca e Mario Falconi: “Cosa farò nei primi 100 giorni di governo” 1
Monica Picca con Matteo Salvini

Monica Picca, 50 anni, professoressa di Lettere presso l’istituto “Paolo Baffi” di Fiumicino, romana da sei generazioni, è figlia dello scultore di caratura internazionale Alessandro Romano. Nel X Municipio ha ricoperto il ruolo di capogruppo della Lega, gruppo costituito con la sua fuoriuscita da Fratelli d’Italia dove ha militato per 13 anni. Da sempre nel centrodestra, per lei è la seconda candidatura da presidente del Municipio.

Al primo turno ha riportato 31.522 voti pari al 39,11%. In caso di elezione a presidente definisce il suo come “il governo del rilancio e del riscatto. Chi ha guidato questo territorio negli ultimi otto anni purtroppo ha lasciato le macerie. Pensiamo al commissariamento per i noti fatti di cui il Partito Democratico è stato responsabile e che rappresentano un’onta gravissima per questo territorio. Infine, l’amministrazione Cinque Stelle, che non ha saputo interpretare le istanze dei cittadini, chiudendosi nelle stanze del potere e lasciando Ostia nel degrado. I cittadini ci chiedono un cambiamento e noi siamo pronti perché abbiamo una coalizione forte con persone competenti che amano questo territorio”.

Nei primi 100 giorni non fissa traguardi precisi, anche se tre iniziative relative alla tutela della pineta di Castel Fusano possono essere assunte in così poco tempo. “La mia sarà una consiliatura di programmazione e non di interventi a spot – ammonisce Picca – Nessuno specchietto per le allodole, il futuro di un territorio si costruisce con serietà, programmazione e visione progettuale. L’obiettivo è raggiungere ogni anno un impegno dell’agenda politica. Cominceremo a lavorare per rendere accessibili e sicure le spiagge di Ostia, avviare l’iter di ‘Ostia Distretto Marittimo’ per rilanciare il mare di Roma, effettuare interventi di manutenzione e valorizzare il turismo culturale, portando così anche nuove economie sul nostro territorio. Ci occuperemo di tutelare la Pineta di Castel Fusano con l’istituzione di una Ztl notturna in via del Lido di Castel Porziano, un presidio fisso della Protezione Civile e l’istituzione di una cabina di regia con i nuclei locali di guardie zoofile volontarie”.

I primi 100 giorni di Mario Falconi

X Municipio al ballottaggio - Monica Picca e Mario Falconi: “Cosa farò nei primi 100 giorni di governo” 2
Mario Falconi con Roberto Gualtieri

Mario Falconi, 71 anni, medico specialista in Tisiologia e Malattie respiratorie, già Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Segretario Nazionale della FIMMG, Vice Presidente Vicario dell’Enpam, attualmente Presidente del Tribunale dei Diritti e dei Doveri del Medico. Per queste sue cariche sindacali è anche un volto noto del pubblico televisivo. E’ il candidato del Pd dopo aver battuto alle primarie Antonio Caliendo e Franco De Donno, dichiarandosi indipendente non iscritto al partito.

Al primo turno ha ottenuto 21.190 voti pari al 26,29%. Nel caso venga eletto presidente del X Municipio caratterizzerà la sua azione politica come “il governo per uno Statuto speciale”. Falconi sostiene, infatti, che “Governare e quindi amministrare è un atto di responsabilità. Ed in proposito ho sempre affermato che per farlo servono più deleghe. Una proposta sulla quale è d’accordo il candidato a sindaco Gualtieri che anzi ha rilanciato affermando di voler dotare il Municipio X di uno Statuto speciale”.

Riguardo allo sprint iniziale, “Tra le prime cose, procederemo alla nomina di un consigliere delegato alla ferrovia Roma-Lido. La mobilità, rendere meno gravoso il quotidiano percorso dei lavoratori e degli studenti, alla base del vivere civile. Il delegato avrà il compito di istituire un osservatorio permanente con i comitati dei pendolari e, allo stesso tempo, dovrà essere in costante contatto con la Regione che prenderà le redini della linea con il nuovo anno. Altro punto fondamentale, il completamento della stazione di Acilia Sud. Nei primi 100 giorni inoltre porremo le basi per il riordino dei Servizi Sociali. Nessuno deve restare isolato. Il Municipio X deve essere inclusivo. L’idea è quella di promuovere l’adozione di misure ritenute necessarie per garantire i servizi essenziali alla comunità ed al passo con i tempi e le situazioni che cambiano.”

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Elezioni X Municipio 2021, ecco le preferenze definitive