Roma, 32 rider “in nero”: maxi sanzione di oltre 800mila euro per 21 esercenti

I fattorini lavoravano tra il centro storico e la zona nord della Capitale

fiumicino

Durante il piano straordinario di controlli dei finanzieri del comando provinciale di Roma sono stati individuati 32 fattorini non in regola, privi di ogni tutela in caso di infortunio.

5 dei 32 fattorini percepivano il reddito di cittadinanza

Il considerevole aumento delle consegne a domicilio di pizze, pasti e bevande avvenuto negli ultimi mesi ha reso necessario un maggiore controllo delle principali vie della Capitale, soprattutto nelle ore serali, per verificare la regolare assunzione dei rider da parte dei datori di lavoro.

I lavoratori “in nero” alle dipendenze di ristoranti, pizzerie e rosticcerie utilizzavano prevalentemente biciclette, monopattini elettrici e scooter per le consegne.

I rider erano impiegati dagli esercizi commerciali senza la necessaria comunicazione telematica al sistema informativo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

L’operazione dei militari si è conclusa con una ingente sanzione per un importo totale di oltre 800.000 euro. Multa che potrebbe essere ridotta solo in caso di regolarizzazione dei lavoratori.

Durante i controlli è stato scoperto che cinque dei 32 addetti percepivano il “reddito di cittadinanza”. Scattata immediatamente la segnalazione all’I.N.P.S..

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.