Anzio, multe fino a 500 euro alle prostitute su strada. Sanzioni anche per i clienti

Con un'ordinanza "contingibile e urgente", il sindaco ha firmato un provvedimento per prevenire e contrastare la prostituzione su strada

prostituzione

Stretta del comune di Anzio sul contrasto allo sfruttamento della prostituzione. Con un’ordinanza “contingibile e urgente”, il sindaco Candido De Angelis ha firmato un provvedimento per prevenire e contrastare i gravi pericoli cagionati da comportamenti connessi allo sfruttamento della prostituzione in strada. La struttura responsabile del provvedimento è la Polizia Locale.

Lotta alla prostituzione su strada: il testo dell’ordinanza

A decorrere da oggi fino al 30 settembre 2021 è fatto divieto a chiunque:

1. di porre in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, di invito, di saluto allusivo ovvero nel mantenere abbigliamento indecoroso o indecente in relazione al luogo ovvero nel mostrare nudità, ingenerando la convinzione di esercitare la prostituzione.

La violazione si concretizza con lo stazionamento, l’appostamento della persona, l’adescamento di clienti e l’intrattenersi con essi, o con qualsiasi altro atteggiamento o modalità comportamentali, compreso l’abbigliamento, che possano ingenerare la convinzione che la stessa stia esercitando la prostituzione.

2. di richiedere informazioni a soggetti e di concordare con gli stessi l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento.

3. alla guida di veicoli, di eseguire manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale.

La violazione prevista al punto 3 comporta l’irrogazione delle sanzioni da un minimo di € 42,00 ad un massimo di € 173,00 con pagamento in misura ridotta entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notificazione di una somma pari al minimo come previsto.

Le violazioni previste ai sopra riportati punti 1 e 2 sono sanzionate con la sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di € 250,00 ad un massimo di € 500,00.

ln alternativa, le persone dedite alla prostituzione, vittime di violenza o di grave sfruttamento ovvero in stato di particolare disagio, potranno essere avviate a programmi di sostegno e reinserimento psicologico e sociale attivi sul territorio comunale per il loro recupero. Entro il 30 novembre 2021  saranno valutati gli effetti e l’efficacia dell’ordinanza.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Leggi anche: Anzio, sospensione idrica per lavori urgenti: queste strade senz’acqua