Commercio nel mirino: ipermarket presi d’assalto e allarme vendite online della Confesercenti

Lunghe code da Leroy Merlin e a Ikea. E la Confesercenti lancia l’allarme sull’esplosione delle vendite online e sulla crisi dei centri commerciali

ipermarket Leroy Merlin

Code e assembramenti negli ipermarket di Roma. I romani alle prese con i lavori di ristrutturazione, fanno acquisti a Leroy Merlin e a Ikea finendo con l’affollare le strutture. Ma Confesercenti chiede che i centri commerciali vengano inserirti nel piano riaperture.

Lunghe code da Leroy Merlin e a Ikea. E la Confesercenti lancia l’allarme sulle vendite online e sulla crisi dei centri commerciali

Le foto che pubblichiamo si riferiscono agli affollamenti che si sono registrati questa mattina, domenica 18 aprile, negli ipermarket di Leroy Merlin presso il “da Vinci” di Fiumicino e alla Ikea di Roma Anagnina. Seppure i clienti siano tutti con la mascherina indossata e il personale si preoccupi di invitarli a igienizzare le mani e misuri la temperatura, forse andrebbe rivisto qualcosa nella regolazione dei flussi.

L’allarme della Confesercenti

Intanto Confesercenti lancia un grido d’allarme. Le restrizioni per il Covid spingono le vendite online e affossano quelle di negozi e supermercati e questo, insieme alla crisi dei consumi innescata dalla pandemia, sta mettendo in grave difficoltà l’intero comparto del commercio al dettaglio.

Lo evidenzia un’analisi di Confesercenti, secondo le cui stime sono circa 70mila le attività commerciali che, senza una decisa inversione di tendenza, potrebbero cessare definitivamente nel 2021. A rischio soprattutto le 35mila attività nei centri e gallerie commerciali, dice Confesercenti, che chiede che «anche i centri commerciali» vengano «inseriti nel piano delle riaperture».

Commercio nel mirino: ipermarket presi d’assalto e allarme vendite online della Confesercenti 1
Lunghe code all’Ikea di Anagnina anche oggi, domenica 18 aprile

I dati sulle vaccinazioni

«Oggi nel Lazio raggiunto il tetto del 1,5 milioni di somministrazioni. Nella Regione Lazio un cittadino su cinque ha già ricevuto una dose di vaccino e il 10% ha completato il percorso vaccinale. Entro il mese di aprile si completeranno gli over 80 e buona parte degli over 70. Ieri, sabato 17 aprile, record di vaccinazioni per un giorno prefestivo, pari a 31.373». Lo comunica l’Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio.

redazione@canaledieci.it

Effetto riaperture sul litorale: pranzi “da asporto” con folla